Netflix, brutta notizia per tutti gli abbonati: cosa sta succedendo in queste ore

Netflix, arriva una brutta notizia per tutti gli abbonati: la società è corsa ai ripari, ecco cosa sta accadendo nelle ultime ore. 

Netflix è una società statunitense che opera nella distribuzione via internet di film, serie tv, e altri contenuti d’intrattenimento a pagamento. La sua produzione cinematografica e televisiva e la distribuzione online è stata ampliata nel 2014.

netwflix, brutta notizia
Netflix corre ai ripari, è arrivata una brutta notizia per tutti gli abbonati alla piattaforma: ecco che cosa sta accadendo in queste ore, da non credere (Credits: youtube)

Ma a quanto pare nelle ultime settimane qualcosa è cambiato e non in positivo. Infatti, si parlerebbe di un calo enorme di abbonati alla piattaforma. Sembrerebbe che, come annunciato, all’inizio del mese di aprile ci sia stata una perdita di 200mila abbonati. Ecco perchè Netflix sta ricorrendo ai ripari e sta mettendo in atto una inevitabile scelta: vediamo di che cosa si tratta.

Netflix corre ai ripari, arriva una notizia che nessuno si aspettava: brutto colpo per tutti gli abbonati

Dalla creazione ad oggi Netflix si è sempre più ampliata. Il 2020 è stato caratterizzato dalla nascita di nuovi competitor e proprio per questo, ha concentrato le sue risorse nella creazione di nuovi contenuti originali. La società è riuscita nel primo trimestre del 2020 a raggiungere ben 182 milioni di utenti complessivi.

Purtroppo, nelle ultime settimane, le notizie non sono così positive come questa che vi abbiamo appena riportato. Infatti, la piattaforma ha perso 200mila abbonati all’inizio del mese di aprile. Questa perdita ha portato ad una importante decisione.

A quanto pare, secondo quanto riportato al The Mirror, Netflix avrebbe cancellato molte serie tv e film dopo il calo di abbonati. E’ corsa ai ripari e in aggiunta a questa scelta, infatti starebbe valutando un abbonamento a basso prezzo ma con la pubblicità per evitare un ulteriore fuga di abbonati e attirarne dei nuovi. Lo avrebbe riportato il Wall Street Journal. Scelta che di fatto sarebbe una conseguenza del momentaneo, si spera, calo di abbonati alla società, avvenuto nel mese di aprile.

Bisognerà attendere per capire come la situazione si evolvi e soprattutto se ci saranno ulteriori cambiamenti e scelte al riguardo.