Leo Gassman salva una ragazza da un tentativo di stupro, lei: “Vorrei incontrarlo per ringraziarlo”

La ragazza che ha rischiato di essere violentata a Roma ed è stata salvata da Leo Gassman ora vorrebbe ringraziare il cantante da vicino.

Brutto episodio quello accaduto a Roma nella notte tra il 6 e il 7 maggio scorsi, quando una studentessa americana ha subito un tentativo di stupro da parte di un malintenzionato. Della vicenda si sta parlando molto in questi giorni anche perché vede tra coloro che hanno soccorso la ragazza anche Leo Gassman, giovane cantante figlio dell’amatissimo Alessandro Gassman.

Leo Gassman ragazza
Leo Gassman salva una ragazza americana da un tentativo di stupro, lei: “Vorrei incontrarlo per ringraziarlo” (Credits: Instagram)

E’ accaduto tutto a pochi passi da via di Portonaccio, zona est della capitale. La 29enne ha iniziato a gridare fino a richiamare l’attenzione di alcune persone tra cui anche Leo, che non ha esitato ad aiutarla ed ha raccontato la vicenda tramite il suo profilo Instagram.

“Se vi capita di incappare in situazioni del genere non tiratevi mai indietro. Da esseri umani abbiamo il dovere di aiutare i nostri fratelli e sorelle se in difficoltà, anche se fa paura”, aveva scritto il cantante.

Ora, intervistata da Repubblica, la vittima ha raccontato i terribili attimi vissuti ed ha parlato della sua gratitudine verso Gassman.

Il terribile racconto della ragazza salvata da Leo Gassman

Trasferitasi da un paio d’anni a Roma dalla Pennsylvania per studiare Storia dell’arte all’università di Tor Vergata, la vittima ha raccontato a Repubblica come si sono svolti i fatti quella drammatica sera.

Si trovava con degli amici nel quartiere Trastevere dove era stata alla festa di un’amica. “Eravamo in questo giardino a Trastevere, dietro l’Orto botanico. Abbiamo bevuto. Lì ho conosciuto un ragazzo che credevo fosse loro amico, una persona per bene.”

Quando hanno poi deciso di spostarsi a Portonaccio, i suoi due amici hanno scelto di tornare a casa mentre lei è salita su un taxi insieme a quel ragazzo. Lì è iniziato l’incubo: “Ha provato a toccarmi, a baciarmi, ma ho dei ricordi piuttosto sfocati. Dei flash, ricordo solo che piangevo disperata, a un certo punto ho avuto un attacco di panico. Ero disperata”.

Quelle grida hanno appunto fatto sì che alcuni passanti, compreso Leo Gassman, accorressero in suo aiuto: “Ricordo solo vagamente che quel ragazzo a un certo punto è scappato, c’era traffico. E un altro ragazzo è venuto verso di me con una bottiglia d’acqua, poi è arrivata la polizia”.

La studentessa è stata poi portata in ospedale ed è stata sottoposta a tutti i controlli necessari. Nel corso dell’intervista rilasciata a Repubblica ha espresso la sua gratitudine nei confronti di Leo ed ha ammesso di non sapere che si trattasse di lui: “Davvero, è stato Leo Gassman a salvarmi? Non lo sapevo. Vorrei riuscire a incontrarlo per ringraziarlo”.

Leo Gassman ragazza
Credits: Instagram

Ancora complimenti a Leo Gassman per essersi dimostrato un giovane uomo pieno di sani valori.