La dottoressa Pimple Popper, dolore immenso per Natalie: decisione choc, è stato inevitabile

Dolore immenso per Natalie a La dottoressa Pimple Popper: decisione choc, è stato davvero inevitabile per la giovane paziente. 

Questa vi stiamo per raccontare è una storia davvero incredibile! Fino ad adesso, infatti, vi abbiamo parlato di tutti quei pazienti che si recavano presso lo studio de La dottoressa Pimple Popper con seri e gravi problemi alla pelle. Dennis, ad esempio, ce ne da proprio la conferma. La storia di Natalie, invece, ha lasciato a bocca aperta, sconvolgendo tutti!

la dottoressa pimple popper natalie
Dramma choc per Natalie a La dottoressa Pimple Popper: cos’è successo. Credits: discovery

Alle telecamere del programma di Real Time, Natalie ha raccontato in lacrime il suo incredibile dramma. A partire dall’età di 21 anni, infatti, la giovane donna ha iniziato a vedere comparire dei piccoli noduli sulla maggior parte del suo corpo, che con gli anni si sono espansi sempre di più. Al momento della sua partecipazione al docu-reality, infatti, Natalie aveva i bozzi su gambe, cosce e braccia. Un dolore immenso, da come si può chiaramente comprendere, soprattutto perché le escrescenze non soltanto le prudevano tantissimo, ma diventavano sempre più spessi per via del suo sfregamento.

Il dramma di Natalie a La dottoressa Pimple Popper, decisione inevitabile: cos’è successo

Data la sua malattia alla pelle, Natalie ha raccontato alle telecamere de La dottoressa Pimple Popper di avere già consultato in precedenza diversi dermatologi, ma di non aver mai ricevuto alcun tipo di beneficio dai trattamenti prescrittole. Nel frattempo, però, la patologia è avanzata sempre di più tanto da costringerla a prendere una decisione choc: usare del trucco per camuffare i bozzi! Tante volte, infatti, le è capitato di incontrare persone che le facevano domande assurdo sulla sua patologia e Natalie ha scelto di utilizzare questo “stratagemma”. La domanda a cui vogliamo rispondere adesso è: la dottoressa sarà riuscita ad aiutare la sua paziente?

la dottoressa pimple popper natalie
Credits: Discovery

Natalie è arrivata nello studio di Sandra Lee convinta di soffrire di prurigo nodularis, ma invece non è stato affatto così. Leggendo i risultati della biopsia e notando la posizione dei bozzi, la dermatologa è giunta ad un conclusione: si tratta di una condizione psicologica! Un po’ come la storia di Gina, ricordate? Più si grattava e più la necessità di grattarsi aumentava! È proprio per questo motivo, quindi, che Sandra Lee ha potuto fare davvero ben poco per la sua paziente. Certo, ha fatto in modo che Natalie non si grattasse, ma praticamente non ha fatto granché.

la dottoressa pimple popper natalie
Credits: discovery

Questa storia ha davvero dell’incredibile, vero?