“Facevo il fruttivendolo per aiutare i miei”: adesso è diventato famoso

Oggi è molto famoso, ma prima ha raccontato di svolgere il lavoro di fruttivendolo per aiutare i suoi genitori: un racconto da brividi. 

Oggi ha finalmente realizzato il suo sogno, ma recentemente a Fanpage ha raccontato quanto sia stato difficile raggiungere il suo obiettivo. Così come Stefano De Martino, che prima di diventare uno dei ballerini di Amici svolgeva tutt’altro lavoro per sostenersi, anche il giovane protagonista di queste nostre parole ha raccontato la sua lunga gavetta.

fruttivendolo adesso famoso
Ora è famoso. Credits: Instagram

“Facevo il fruttivendolo per aiutare i miei”, sono proprio queste le esatte parole a cui si è lasciato andare il famoso sportivo a Radio Rai per raccontare il difficile passato trascorso. Figlio di una famiglia piuttosto numerosa e proveniente da un quartiere complicato della sua città, il giovane ha raccontato di avere avuto da piccolo la passione per il calcio. E di aver fatto di tutto per fare in modo che il suo sogno diventasse realtà. Ad oggi, grazie all’aiuto dei suoi genitori e della sua forza di volontà, può dire di esserci riuscito.

Oggi è un calciatore famoso, ma prima faceva il fruttivendolo: il racconto

Ha finalmente ottenuto quello che sognava da diverso tempo: l’esordio recentissimo in Serie A e la ‘chiamata’ di Roberto Mancini per la Nazionale azzurra. Insomma, giunto all’età di 26 anni, il famoso calciatore è riuscito a raggiungere il suo obiettivo, ma arrivare fino a questo punto non è stato affatto una cosa da niente.

Intervistato a Radio Rai, infatti, il calciatore non ha potuto fare a meno di ripercorrere le tappe della sua carriera, rivelando quanto sia stato difficile arrivare dov’è ora. A partire dai sacrifici fatti, abbandonando la sua terra d’origine e la sua famiglia, fino alla ‘svolta’ in carriera, lo sportivo è stato un fiume in piena. “La gente non sa quanti sacrifici si debbano fare per arrivare in Serie A”, ha spiegato Pasquale Mazzocchi – attuale difensore e centrocampista della Salernitana – a Fanpage qualche tempo fa. Oggi il giovane napoletano può dire di avercela fatta e che tutto quello che ha passato in passato, gli è servito a raggiungere il suo sogno.

“Mi ha salvato il calcio”, ha detto Pasquale Mazzocchi a Radio Rai, ripercorrendo la sua vita e di come fosse difficile vivere nel quartiere dove viveva. Io vengo da un quartiere di Napoli molto difficile, dove da giovane si fa fatica a trovare lavoro. In quelle situazioni, magari con una famiglia numerosa, purtroppo si tende magari a fare cose sbagliate”, ha raccontato ancora.

fruttivendolo adesso famoso
Pasquale Mazzocchi. Credits: Instagram

Ci auguriamo che storia del giovane Pasquale Mazzocchi serva da insegnamento a tantissimi giovani che, così come lui, hanno un sogno. Il giovane calciatore è proprio l’esempio che chi la dura, la vince. In bocca al lupo!