“Mia mamma per un periodo si ammalò”: l’attore di Mare Fuori racconta cos’è successo

Uno dei protagonisti di Mare Fuori ha rivelato tempo fa a Vanity Fair com’è nata la sua passione per la recitazione: il racconto dell’attore.

La sua giovane età dimostra che, quando il talento c’è davvero, i risultati non tardano ad arrivare. Il pubblico di Mare Fuori, serie tramessa da Rai Due per le prime due stagioni ed ora passata a Netflix, si è accorto subito della sua incredibile bravura sul set. Qui interpreta il personaggio di Filippo, uno dei ragazzi del carcere minorile di Napoli, soprannominato “Chiattillo”.

attore Mare Fuori
Attore serie tv racconto (Credits: Instagram)

Nato nel 1999, l’artista è figlio di padre francese e madre italiana e dopo il liceo classico ha intrapreso gli studi presso l’Accademia 09 di Milano. Nel 2019 fu scelto appunto per la celebre fiction con Carolina Crescentini e Carmine Recano e da allora il suo nome sembra destinato a grandi cose nel settore del cinema italiano.

Parliamo ovviamente di Nicolas Maupas, che a soli 23 anni ha dato già prova della sua grande inclinazione per il lavoro di attore. “Filippo molte cose non le sa, si trova in un luogo ostile ad affrontare dinamiche, come il codice non scritto del carcere, che non conosce. Era importante riuscire a viverlo così, senza programmare niente”, ha raccontato in un’intervista rilasciata a Vanity Fair a proposito del suo ruolo.

Ma come nacque in lui la consapevolezza che la recitazione sarebbe stata il suo futuro? Ecco cosa ha rivelato al riguardo.

Mare Fuori, l’amatissimo attore confessa un retroscena sulla sua carriera: l’avrete mai immaginato?

In comune col ragazzo detenuto che interpreta, Maupas ha subito alle scuole medie qualche episodio di bullismo. Nonostante lui non ne sia stato segnato, a Vanity Fair ha sottolineato che in molti altri casi chi lo subisce può restarne traumatizzato a vita e che perciò è importante lottare contro tale fenomeno presente un po’ ovunque, non solo in carcere.

Nel corso della stessa intervista concessa al celebre magazine, Nicolas ha parlato del momento in cui ha capito che avrebbe voluto dedicare la sua vita al set. Spiega che tutto ha avuto inizio quando era solo un bambino e che, in un certo senso, sua madre ha avuto un ruolo in tutto ciò.

“Quando ero piccolo mia mamma per un periodo si ammalò – racconta – e così, per distrarla e farla stare meglio, guardavamo i film tutti insieme, solo che dopo ricreavamo il set in salotto e io mi cimentavo nei personaggi che avevo appena visto, dai Pirati dei Caraibi a Il fantasma del Louvre, Belfagor”. Proprio per calarsi nei panni del celeberrimo fantasma, si attrezzò con skateboard e mantello svelando anche un certo lato creativo molto precoce. “Era una cosa che facevo per fare stare bene lei, ma che faceva star bene anche me. Il cinema allargava un mondo che mi sembrava sempre più piccolo”, ha spiegato.

attore Mare Fuori
Attore racconto da brividi (Credits: Instagram)

Avreste mai pensato che dietro una carriera così promettente si nascondesse un inizio così tenero?