Gossip News » Reality Show » Grande Fratello » Grande Fratello 12, Amedeo Aterrano vuole fare causa al reality

Grande Fratello 12, Amedeo Aterrano vuole fare causa al reality

GRANDE FRATELLO – Amedeo Aterrano non ha mai avuto buoni rapporti con la trasmissione: qualche tempo fa aveva pure denunciato su Facebook di essere stato cacciato. Ora si scopre che è pure pronto a fare causa al reality. L’ex concorrente ha infatti dichiarato a ‘Visto’:

Tramite il mio avvocato ho chiesto dei chiarimenti. Credo che mi spettino. Se non arriveranno o non saranno soddisfacenti sono pronto a rivolgermi a chi è tenuto a vigilare sul regolare andamento delle operazioni di televoto. E, se occorre, all’autorità giudiziaria competente, anche in sede penale”.

Secondo Amedeo, infatti, ci sarebbero delle irregolarità nella sua eliminazione dello scorso 6 febbraio:

Subito dopo la mia uscita, la conduttrice ha ripreso la diretta invitando i concorrenti ancora in gara a entrare nella sala relax per scoprire il nome di chi si sarebbe guadagnato l’immunità. A quel punto è successo qualcosa di molto strano (…) 

Alessia guardando il copione ha letto ad alta voce il mio nome insieme a quello di Gaia, Franco e Sabrina i concorrenti che erano rimasti in gara. Poi si è corretta ricordandosi che ero appena stato eliminato. E, guarda caso, non ha letto invece il nome di Valentina, la concorrente che era rimasta in gioco avendo superato indenne il televoto proprio contro di me (…) 

A segnalarle l’errore, dopo una trentina di interminabili secondi, sono stati gli autori che a gesti, a voce e scrivendo il nome esatto sulla lavagnetta le hanno fatto notare che in gioco c’era Valentina e non io. Questo a casa, dalla Tv, non si è visto, ma le persone in studio hanno potuto vedere la scena e l’imbarazzo di Alessia. Si è corretta dicendo: “Ho letto male io … che ce l’avevo scritto sul copione”.

Ma com’è possibile leggete il nome mio anziché quello di Valentina? E se sul copione c’era il nome di Valentina, perché mai la conduttrice ha impiegato tanto tempo ad accorgersi dell’ errore, correggendosi soltanto grazie all’aiuto del personale in studio”.

Secondo voi ha ragione Amedeo a volerci vedere chiaro?