Gossip News » Primo Piano » Costantino Vitagliano ancora contro Daniele Interrante: “E’ un ingrato”

Costantino Vitagliano ancora contro Daniele Interrante: “E’ un ingrato”

COSTANTINO VITAGLIANO CONTRO DANIELE INTERRANTE – Per anni sono stati il simbolo dei nuovi vip. Belli, giovani e ambiziosi, uniti d un’amicizia speciale. Costantino Vitagliano e Daniele Interrante hanno condiviso tutto, il successo di uno coincideva con quello dell’altro al punto da decidere di unire le proprie forze con l’apertura di un ristorante in comune. Poi le scelte diverse e le ambizioni opposte hanno portato i due verso una lenta separazione fino a rompere definitivamente l’amicizia.

A svelare la fine dell’amiczia è stato Costantino Vitagliano che ha lanciato accuse pesanti a Daniele Interrante. Oggi, l’ex tronista di Uomini e Donne, torna sulla vicenda con un’intervista al settimanale Di Più: “Per me adesso Daniele Interrante è solo un ingrato che mi ha voltato le spalle. Volevamo sfondare nel mondo dello spettacolo. Sono stato io ad aprirgli le porte, anche quelle per arrivare in TV. Lui arrivò persino a fare il tronista prima di me, ma non lasciò il segno”.

Dopo aver avuto successo in tv, Costantino ha cercato di aiutare il suo amico: “Per me era naturale aiutarlo, averlo al mio fianco in TV. E Daniele ci mise del suo: è un bel ragazzo, è spigliato, ci sa fare, così si ritagliò il suo posto. Si guadagnò, con me e Alessandra Pierelli, perfino il ruolo in un film, Troppo Belli, che però purtroppo non ebbe molto successo. E poi, nel 2005, partecipò all’ Isola dei Famosi. Eravamo così uniti che io intervenni anche in diretta per difenderlo quando fu attaccato dagli altri concorrenti. Erano anni frenetici, per me e’ per lui. Poi Daniele cominciò a cambiare”.

Qualcosa ha fatto finire definitivamente l’amicizia: “Non sopportava più di essere definito sempre e comunque “l’amico di Costantino”. Una volta in TV lo attaccarono chiamandolo il “chihuahua di Costantino” e andò su tutte le furie. Iniziò a essere insofferente, forse mi percepiva come un’ombra”.

L’abbandono di Vitagliano all’agenzia di Lele Mora è stato il colpo di grazia: “Da quel giorno si allontanò da me. Ci sentivamo ed era sfuggente, ci incontravamo e non aveva mai tempo di fermarsi, alla fine smettemmo anche di sentirci. Anche dopo che superai un brutto periodo, dovuto agli attacchi di panico, alcuni mi telefonarono ma lui no. Il suo comportamento ha messo la parola fine alla nostra amicizia”.