Gossip News » Attualità » Le Iene, figlio di prete pedofilo chiede aiuto al Papa: “Stuprò mia madre”

Le Iene, figlio di prete pedofilo chiede aiuto al Papa: “Stuprò mia madre”

LE IENE APPELLO DEL FIGLIO DI UN PRETE PEDOFILO A PAPA FRANCESCO – E’ una storia sconvolgente quella raccontata ieri sera dal programma di Italia 1, Le Iene. Il protagonista della vicenda è un uomo di 33 anni, Erik Zattoni, frutto dello stupro di un prete pedofilo ai danni di una ragazzina di 14 anni. I fatti risalgono al 1980 quando Don Pietro, questo il nome dell’orco, attirò con l’inganno la ragazzina nel suo ufficio e dopo averla violentata la minacciò di non dire nulla a nessuno o avrebbe sfrattato la sua numerosa famiglia che viveva in un’abitazione di proprietà della parrocchia.

La ragazza ha mantenuto il segreto per cinque mesi fino a quando un violento mal di pancia ha costretto la ragazzina ad andare in ospedale dove hanno scoperto che era incinta. I familiari di Erik raccontano di aver tentato di denunciare il prete ma le loro proteste si sono scontrate contro un muro di gomma, e come il vescovo di Ferrara del tempo li invitò a tacere per non provocare un grave danno all’immagine della Chiesa. Perfino un avvocato a cui si era rivolti sconsigliò loro di presentare una querela e anche il Vaticano ha poi inviato uno dei suoi avvocati chiedendo ai familiari di firmare un documento in cui smentivano le loro richieste, in cambio della certezza di non venire sfrattati. La famiglia ha però rifiutato di firmare ed è stata sfrattata mentre Don Pietro è rimasto altri 25 anni nella sua parrocchia, a gestire la scuola materna.

Da adulto, Erik ha saputo tutta la verità e ha chiesto il test del dna che ha accertato la paternità.  Il Vaticano si è però limitato a invitare Don Pietro a dare appoggio al figlio il quale, però, continuato a ignorare poiché «ho chiesto perdono a Dio e sono stato assolto, e per questo non devo più nulla né al figlio né e alla ragazza». Pablo Trincia de Le Iene ha lanciato un appello a Papa Francesco perché intervenga a favore della donna.