Gossip News » Attualità » Paola Ferrari sviene dopo lo scherzo delle Iene: il VIDEO del presunto attacco

Paola Ferrari sviene dopo lo scherzo delle Iene: il VIDEO del presunto attacco

PAOLA FERRARI E LO SCHERZO DELLE IENE – Uno scherzo innocuo della trasmissione di Italia 1, Le iene, è risultato troppo pesante per Paola Ferrari, la conduttrice della trasmissione “La Domenica sportiva”. Il tutto sarebbe avvenuto ieri mentre la giornalista si recava nella sede della Rai per la preparazione della puntata. Paola Ferrari, infatti, ha considerato lo scherzo come una vera e propria aggressione al punto da esserne rimasta sotto shock. La redazione delle Iene, però, non  dello stesso parere e sulla propria pagina Facebook ha postato le immagini della presunta aggressione a Paola Ferrari chiedendo agli utenti “dov’è l’aggressione?”.

Secondo la versione fornita dalla Rai, la giornalista sarebbe stata spinta da dietro da un attore  definito ‘twerkatore’ che aveva in testa una parrucca bionda e schiacciata verso le porte di ingresso della sede Rai all’angolo con Corso Sempione. «Paola Ferrari – ha spiegato il vicedirettore sport Maurizio Losa – è riuscita a stento a divincolarsi, pensando fosse un tentativo di aggressione visto che questo personaggio la strusciava da dietro, e una volta entrata nel palazzo è svenuta rimanendo sotto choc per diverse ore. Sarà comunque regolarmente al lavoro».

Paola Ferrari, scesa dall’auto per entrare negli studi della Rai, sarebbe stata avvicinata da un figurante delle Iene per rispondere ad un sondaggio. Mentre rispondeva, alle sue spalle, è arrivato il secondo attore con la parrucca. Raggiunto l’interno degli studi Rai, Paola Ferrari sarebbe stata colta da malore. Dopo essersi ripresa ha chiamato la polizia ma ha fatto sapere che non sporgerà denuncia.  Losa ha espresso a nome della redazione sportiva e del programma «solidarietà alla collega». «Condanniamo con fermezza quanto accaduto per il cattivo gusto e la gravità di un presunto scherzo del genere – ha sottolineato – e pretendiamo che almeno ci siano subito le scuse».