Gossip News » Primo Piano » Rolling Stones a Roma, il centro della città va in tilt

Rolling Stones a Roma, il centro della città va in tilt

I Rolling Stones sono a Roma per il concerto che si terrà al Circo Massimo domani 22 giugno e il centro della città è sotto assedio da parte di fan e di servizio d’ordine

rolling stonesRolling Stones “Strade chiuse, traffico in tilt”

Dall’una di questa notte, per il mega concerto dei Rolling Stones, che mancavano a Roma dal 2007, è scattato il divieto di circolazione in diverse zone del centro della città e ciò sta causando notevoli ripercussioni sulla circolazione in tutto il centro città.

La band, composta da Mick Jagger, Keith Richards, Ronnie Wood e Charlie Watts alloggia presso l’Hotel Saint Regis, il lussuoso albergo a 5 stelle che ha ospitato persone del calibro di Maria Callas, Richard Burton ed Elisabeth Taylor.

L’albergo, situato nel suggestivo centro storico della città, dotato di 138 stanze e 23 suite ha dei prezzi davvero da capogiro. La Royal Suite che, con molta probabilità, ospita i miti del Rock costa 14 mila euro a notte. È grande ben 300 metri quadrati, ospita un tavolo in marmo per ospitare 12 persone, nel bagno c’è una meravigliosa vasca Jacuzzi e ha, a disposizione, un maggiordomo 24 ore su 24.

Stasera i miti del Rock, secondo diverse indiscrezioni, dovrebbero essere a cena in un importante ristorante ubicato nei pressi del Celio, nella incantevole via dei Santissimi Quattro Coronati

Numerosi i fan che si stanno assiepando per le vie intorno all’albergo che ospita i Rolling Stones armati di macchine fotografiche e smartphone per poter immortalare i loro miti. Alcuni, i più fortunati, sono riusciti a fotografare il mitico Keith Richards che si è affacciato da una finestra del primo piano dell’albergo per salutare i loro numerosi ammiratori accorsi da tutta Italia e non solo.

keith richards

Il mega concerto a Roma è rimasto in forse a causa del suicidio di Wren Scott, moglie del leader della band Mick Jagger. Ma, si sa, “The show must go on” e non c’è morte che tenga!

Fonte: Ansa.it.