Gossip News » Primo Piano » Francesco Totti e la telefonota di Renzi: ‘Con tutti i problemi che abbiamo, chiama proprio me?’

Francesco Totti e la telefonota di Renzi: ‘Con tutti i problemi che abbiamo, chiama proprio me?’

Martedì 30 settembre, Francesco Totti è entrato nella storia del calcio mondiale diventando il marcatore più anziano della Champions League con il gol segnato al Manchester City e che ha permesso alla Roma di portare a casa un pareggio importantissimo. Un record di cui hanno parlato i giornali di tutto il mondo e che ha attirato le attenzioni anche del Premier, Matteo Renzi che, dopo la trionfale e meravigliosa notte di Manchester, ha pensato bene di congratularsi con il capitano della Roma. Di questo ma anche di gossip ha parlato Francesco Totti in una lunga intervista a La Repubblica.

francesco tottiFRANCESCO TOTTI E LA TELEFONATA DI MATTEO RENZI

La telefonata di Matteo Renzi ha stupito anche Francesco Totti: “Mi fa piacere ma mi stupisce pure che con tutti i problemi che ci sono abbia pensato di complimentarsi con me… Però quando chiama un personaggio così ti gratifica”.

Prima di Matteo Renzi, anche un altro Presidente del Consiglio s’interessò al capitano della Roma: “Nel 2006 quando mi sono operato Berlusconi venne a trovarmi in clinica. Lì per lì pensavo che fosse uno scherzo, prima di lui si presentarono sei o sette persone a Villa Stuart, si aggiravano ovunque, controllavano. Pensavo: che stanno a fa’? Erano della sicurezza. Due ore dopo è venuto lui”.

A 38 anni, Francesco Totti è in splendida forma tanto che il ritiro è ancora lontano. Merito di madre natura ma anche della dieta e dei duri allenamenti: “Fortunatamente Ilary è sempre a dieta. È bella quando si sveglia. Non lo dico perché è mia moglie, ma è bella vera, quando passa la vedi e ti giri”.

Come il papà, anche il piccolo Christian sta muovendo i primi passi da calciatore: “Mi dà molto fastidio l’attenzione che si è creata, è un bambino e pensa a divertirsi, il nome per lui è pesante. Mi fermano tutti, lui è anche geloso, è normale. Però è buono come me. L’altro giorno è tornato a casa: “Papà, devi fare una foto per un mio amichetto di scuola e per la maestra”. Alla fine aveva 66 foto dentro la cartella con le magliette. Gli ho detto: Cri’, così no”.

Infine, Francesco Totti rivela la sua paura più grande: “Solo la morte mi spaventa. Spero che ci sia un’altra vita, un’altra possibilità. Oddio, nessuno è tornato a raccontarcelo. Ognuno ha un’opinione diversa ma io sono ottimista”.