Gossip News » Attualità » Una lettera d’amore al giorno per 40 anni: ecco il marito migliore del mondo

Una lettera d’amore al giorno per 40 anni: ecco il marito migliore del mondo

Bill Bresnan, 74 anni, ha scritto una lettera al giorno alla moglie Kirsten Bresnan, per quasi 40 anni. Bill ha cominciato a scriverle il primo giorno di matrimonio, e non ha più smesso.

La fortunata Kirsten ha un magazzino pieno di scatoloni accuratamente suddivisi in apposite cartelle con oltre 10mila lettere “tutte firmate ‘ti amo, mio tesoro’ con il segno dell’infinito accanto“, come racconta la coppia alla ABC.

Essenzialmente fanno parte di un diario d’amore – racconta la donna – Per esempio, posso prenderne una del 1982 per rileggere in quale ristorante siamo andati o quale film abbiamo visto e cosa ne abbiamo pensato“.

Quello di Bill e Kristen è un matrimonio pressoché perfetto: “Magari talvolta eravamo in disaccordo su qualcosa, ma ne abbiamo sempre parlato piuttosto che arrabbiarci“. Il che non significa che la loro sia stata sempre una vita facile e felice: “Quando il dottore mi ha detto qualche anno fa che avevo un cancro, Kirsten era accanto a me e mi stringeva la mano – ricorda Bill – non era come ‘tu hai il cancro’, era ‘noi abbiamo il cancro’ e ho fatto la stessa cosa con lei quando le hanno riscontrato un tumore qualche anno dopo“.

La mia paura più grande – racconta Bill – è quella di non ricordare più nulla, ma per fortuna sono ancora abbastanza sveglio per la mia età“.

Il loro segreto? Piccoli gesti d’amore quotidiani e qualche serata speciale a lume di candela. “Per far durare una storia d’amore bisogna lavorarci ogni giorno – spiega Bill – non andare mai a letto arrabbiati, parlare di tutto, ogni problema dev’essere risolto prima del bacio della buonanotte“.

Bill spera che il suo matrimonio possa essere d’esempio per le nuove generazioni: “Vedo coppie di giovani seduti uno di fronte all’altro sepolti negli schermi, senza mai parlarsi o guardarsi in faccia. Vorrei dirgli di godersi il tempo che hanno con l’altro e farne tesoro“.