Gossip News » Primo Piano » Gabriel Garko svuota il sacco: “Ho problemi alla tiroide, ecco l’amara verità”

Gabriel Garko svuota il sacco: “Ho problemi alla tiroide, ecco l’amara verità”

Nei giorni scorsi, Gabriel Garko è stato sommerso di critiche dopo la sua apparzione nel programma di Raiuno “L’Arena” di Massimo Giletti in cui è apparso con il viso molto gonfio tanto che in molti hanno pensato ad un ritocco estetico. Dopo aver mostrato i veri lineamenti del suo volto, Gabriel Garko è tornato sulla vicenda raccontando finalmente la verità in un’intervista rilasciata a Tv, Sorrisi e Canzoni.

gabrie garkoGABRIEL GARKO SVELA TUTTA LA VERITA’

«“Lei ha un problema di salute”, dice il medico. E non è la battuta di una fiction. È la dura, crudele verità. Ti danno la cura assicurandoti che non ci sono controindicazioni e invece, all’improvviso, la faccia ti si gonfia come un pallone e magari sei sul set. L’operatore comincia a dirti che sei un disastro, che sembri Garko con il mal di denti. Cambi medico, cambi terapia e intanto ti dicono che hai problemi alla tiroide… Bisognerà riequilibrare i valori ma nel frattempo sembro una fisarmonica: gonfio – sgonfio – gonfio. E la giostra continua a girare, mica puoi scendere: ci sono gli impegni da portare avanti, i contratti da rispettare, la gente che lavora per te da retribuire. Non sarà un “problemino” di salute a frenarmi. Io sono quello che ha appiccicato addosso un nome da vincente. Coraggio! Sabato prima della trasmissione tiro un sospiro di sollievo: sgonfio! Ma la domenica mattina mi sveglio e sono un po’ gonfio. Chiamo il dottore, gli spiego che con la faccia ci lavoro e che tra poche ore sarò in televisione. Lui mi consiglia di non andare in onda. Basterà cambiare cura. Ma io non posso dare buca a Giletti…», confessa Gabriel Garko.

L’attore ha concluso parlando di tutti coloro che l’hanno attaccato solo per il suo aspetto: «Faccio questo lavoro da molti anni eppure sono rimasto senza parole davanti a tanto furore mediatico. Davanti alla gioia maligna di tanti giornalisti che hanno pubblicato immagini e titolato articoli senza verificare, senza interpellarmi. I miei avvocati insistono per una causa perché questa volta hanno picchiato duro: facciano loro. Ma io devo anche ringraziarli questi professionisti dell’odio perché mi hanno svegliato, mi hanno fatto vedere un altro squarcio di realtà: ho stanato i finti amici e ho scoperto quelli veri».