Home Attualità italiana ed estera, News di cronaca “Ragazze in shorts non lamentatevi se vi stuprano”. Scoppia la polemica

“Ragazze in shorts non lamentatevi se vi stuprano”. Scoppia la polemica

CONDIVIDI

RAGAZZE IN SHORTS NON LAMENTATEVI SE VI STUPRANO – La dichiarazione dello scrittore Marco Cubeddu pubblicata nella rubrica “Intransigenze” sul Secolo XIX sta scatenando una forte polemica sul web. L’autore di “C.U.B.A.M.S.C.- Con una bomba a mano sul cuore” (Mondadori) ha raccontato di un viaggio in Italia in cui l’unico spunto di riflessione è stata l’osservazione di adolescenti in pantaloncini cortissimi.

Non possono lamentarsi se poi le stuprano”, scrive Cubeddu attribuendo il pensiero a un’amica, una donna “non bigotta“, come sostiene. Nel corso dell’articolo, poi, ci si concentra, sempre prendendo le distanze da ogni giustificazione di forme di violenza, sull’ “inutilità” della parola femminicidio: “un omicidio è sempre un omicidio”, sostiene lo scrittore.

L’autore di chiede perché sfoggiare il proprio corpo sin da giovanissime. Un messaggio che ha fatto infuriare il popolo del web.