Mario Serpa rompe il silenzio: la reazione al caso Claudio Sona

uomini e donne claudio-sona-e-mario-serpa-e1480115169262

Mario Serpa era rimasto in silenzio preferendo non entrare nel merito della questione. Pur avendo condiviso una piccola parte con Claudio Sona, ha scelto di non commentare la vicenda che ha coinvolto l’ex tronista di Uomini e Donne e il suo ex fidanzato, Juan Sierra. Tuttavia, dopo alcuni giorni di riflessione, oggi Mario Serpa ha deciso di dire la sua e su Instagram ha pubblicato un duro post con cui ha espresso la sua opinione sul caso.

MARIO SERPA, LE PAROLE PER CLAUDIO SONA

Insieme a Claudio Sona, Mario Serpa è stato il grande protagonista della prima edizione del trono gay di Uomini e Donne. Amatissimo dal pubblico per la sua sincerità e la sua schiettezza, Mario è riuscito a conquistare il cuore di Claudio con cui ha vissuto una storia bella anche se è durata poco.

Dopo aver letto l’acceso scambio di battute tra Claudio Sona e Juan Sierra, Mario Serpa ha deciso di esprimere la sua idea attraverso i social.

“Sono sorpreso ed amareggiato per ciò che circola sul web in questi ultimi giorni e, non è mia intenzione infierire ulteriormente sulla situazione. Mi preme sottolineare che il mio percorso ad uomini e donne è stato vero e sincero. Ho messo cuore e sentimenti in tutto ciò che ho fatto e, non nutro alcun dubbio sulla buona fede della redazione e sul suo lavoro svolto. Nonostante la mia profonda delusione, sono umanamente dispiaciuto per lo squallore con cui è venuta fuori questa storia di cui sono parte lesa. Fermo restando che non desidero entrare nel merito e, sperando che Claudio possa, dimostrare il contrario, ritengo inauditi gli attacchi di cyberbullismo da lui subiti in queste ore. L’odio è un sentimento che non mi appartiene, così come l’inganno”.

 

Sono sorpreso ed amareggiato per ciò che circola sul web in questi ultimi giorni e, non è mia intenzione infierire ulteriormente sulla situazione. Mi preme sottolineare che il mio percorso ad uomini e donne è stato vero e sincero. Ho messo cuore e sentimenti in tutto ciò che ho fatto e, non nutro alcun dubbio sulla buona fede della redazione e sul suo lavoro svolto. Nonostante la mia profonda delusione, sono umanamente dispiaciuto per lo squallore con cui è venuta fuori questa storia di cui sono parte lesa. Fermo restando che non desidero entrare nel merito e, sperando che Claudio possa, dimostrare il contrario, ritengo inauditi gli attacchi di cyberbullismo da lui subiti in queste ore. L'odio è un sentimento che non mi appartiene, così come l'inganno.

Un post condiviso da Mario Serpa (@serpiko6) in data: