Dopo il tweet in cui ha ammesso di essere omosessuale e si è scusato per le presunte molestie ad Anthony Rapp (che tuttavia non ricorda di aver mai fatto), Kevin Spacey è stato duramente punito dal mondo dello spettacolo.

In tutta risposta al suo coming out e alle sue scuse, l’International Academy of Television Arts and Sciences ha annunciato di voler ritirare l’Emmy Founders Awards che sarebbe spettato a Spacey quest’anno.

E come se non bastasse Netflix fa sapere che la serie di cui Spacey è attualmente protagonista, House of Cards, si fermerà alla sesta stagione. Un caso? Secondo molti si tratta di una scelta fortemente legata all’emergere dello scandalo, ma Netflix assicura che lo stop era già in programma: «Siamo profondamente scossi dalle ultime notizie su Kevin Spacey. In seguito alle rivelazioni dell’altra sera, i produttori esecutivi delle nostre compagnie si sono recati a Baltimora questo pomeriggio per tranquillizzare il cast e la troupe. Come previsto, Kevin Spacey non è impegnato sul set in questo momento».