Gossip News » Talent Show » ballando con le stelle » Ballando con le stelle 2011, Milly Carlucci: “divertiamo senza trasgressioni sessuali”

Ballando con le stelle 2011, Milly Carlucci: “divertiamo senza trasgressioni sessuali”

BALLANDO CON LE STELLE 2011 – A poche ore di distanza dai successi della seconda puntata di Ballando con le stelle 2011, che ha visto l’eliminazione di Alessia Filippi, la presentatrice Milly Carlucci esprime parole di grande soddisfazione per i successi ottenuti.

La mia soddisfazione personale per il risultato registrato ieri (si riferisce a domenica) è che, in un momento brutto come è quello attuale in cui ogni volta che vediamo il telegiornale abbiamo voglia di piangere, riusciamo a catturare l’attenzione del pubblico, dando gioia e spensieratezza in modo sano ed elegante senza dover ricorrere ai soliti colpi bassi quali la trasgressione sessuale e la morbosità” afferma saggiamente il deux ex machina del programma che, da ben sette anni, tiene inchiodati milioni di spettatori alle poltrone.

Sarà forse anche un pò merito per lo straordinario ventaglio di ospiti? Nella scorsa puntata abbiamo assistito alle performance dell’attrice statunitense Bo Derek, per esempio e il nostro campione di nuoto Massimiliano Rosolino.

Questo è un periodo di enorme concorrenza, ieri  (si riferisce a domenica) per esempio c’era una partitona, la più attesa del campionato. E noi comunque riusciamo a essere brillanti negli ascolti e a gratificare il nostro pubblico. Quando finisce sono proprio soddisfatti e per questo non ci abbandonano pur avendo a disposizione altre golose offerte” prosegue la donna decantando i punti di forza del suo show. La Carlucci inoltre aggiunge che anche per far parte del pubblico in sala c’è  una spietatissima concorrenza.

Ricordiamo che l’ultimo appuntamento con Ballando con le stelle 2011 ha portato la bellezza di 5.477 mila spettatori con uno share del 25%, mentre La Corrida è stata sconfitta con 4089 mila spettatori e uno share del 18.34%. Con questi numeri Milly Carlucci non può che continuare a trionfare.