Gossip News » Primo Piano » Al Bano: ho avuto un tumore alla prostata, ma ora sto bene

Al Bano: ho avuto un tumore alla prostata, ma ora sto bene

AL BANO – Rivelazione shock da parte di Al Bano Carrisi che, ai microfoni di Oggi, ha rivelato di aver avuto un tumore alla prostata. Il celebre cantante pugliese racconta i primi momenti del dramma che l’ha visto coinvolto.

L’ ho scoperto a dicembre dello scorso anno. Sono venuto a ritirare il referto, e mi sono sentito dire: ‘Hai un tumore‘. Tumore. Suona male, no?”.

Il rocker nostrano però, ligio al suo indomito carattere, non ha voluto dire di no al Festival di Sanremo 2011, dove si è piazzato al terzo posto con “Amanda è libera“.

“Ho chiesto e ottenuto di fare Sanremo. Non volevo rinunciarci. Sarò matto, ma a me piace da matti. Mi dà una carica, un’energia”. Il cantante ne approfitta per lanciare un accorato appello:

“Nessuno deve sottovalutare la prevenzione. Anche se, nel mio caso, forse lo stress può avere avuto un’influenza. Dal 1993 a oggi ho progressivamente incasinato la mia vita, ho avuto stress violenti. Alla lunga, il corpo ti manda segnali”.

Se è comprensibile che Al Bano abbia atteso qualche mese per informare pubblico e fans dei suoi travagli sanitari, anche con la famiglia c’è andato coi piedi di piombo.

A Loredana Lecciso l’hanno detto i figli”.

E per quanto riguarda la sua ex, Romina Power?

“Non so se sia stata informata. Purtroppo non c’è più un canale diretto di comunicazione. Parliamo soprattutto attraverso gli avvocati. Siamo ancora in ballo tra tribunali e carte bollate per le sue assurde richieste economiche“.

Così il vocalist di Cellino san Marco si è preparato ad affrontare il calvario che lo attendeva se non proprio con “buonumore”, come afferma il diretto interessato, con “umore buono”.

In quest’ultimo periodo non  è la prima volta che uno dei nostri idoli televisivi annuncia di aver affrontato e sconfitto una malattia così devastante e temibile. Solo a poche settimane fa risale l’annuncio di Emma Marrone di aver avuto un tumore all’utero. Magari il loro coraggio e determinazione potranno essere di aiuto e sostegno anche per noi gente comune.