Gossip News » Primo Piano » Gabriel Garko: bello e muto davanti a Charlize Theron

Gabriel Garko: bello e muto davanti a Charlize Theron

GABRIEL GARKO – Nei panni dell’enigmatico Tonio Fortebracci, Gabriel Garko è tornato in tv con la fiction “L’onore e il rispetto – parte terza”, già campione d’ascolti. Nella fiction così come nella vita, Gabriel Garko, all’anagrafe Dario Oliviero, conquista una donna dopo l’altra. Eppure, solo una volta, l’attore ha perso la parola sentendosi totalmente uno stupido. A svelarlo è stato lo stesso Garko in un’intervista al settimanale Chi.

Charlize Theron è la mia passione. L’ho vista una sola volta ed è l’unica volta in cui mi sono sentito un totale deficiente con una donna. Ero a Venezia, ad un party di Valentino. Stavo parlando con degli amici. Ad un certo punto una mia amica mi punta gli occhi addosso come per dirmi: “Girati”. Sapeva della mia passione per la Theron perché le avevo fatto una “capa tanta”. Mi sono girato e me la sono trovata davanti. Ho semplicemente grugnito. Non sono stato capace di fare altro. Lei avrà pensato di sicuro: “E chi è ’sto scemo?”.

Sempre in queste ore, l’attore ha parlato al settimanale Di Più svelando di non frequentare nessuna ma soprattutto di non avere neanche il tempo per farlo. C’è di più. A quanto pare, ogni donna che frequenta Garko comincia a chiedergli un figlio e il matrimonio, cosa che soffoca l’attore: “In questo periodo, sinceramente, non vedo ragazze, non frequento gli amici e, quando torno a casa dopo dodici-quattordici ore di set, non sogno altro che il letto. Per dormirci… A trentotto anni voglio tornare indietro… Voglio un amore spensierato e invece, a parte qualche avventura, le donne che incontro cominciano a parlare di convivenza, di figli… e io mi sento soffocare.” – poi parla della sua ferma idea di avere presto un figlio – “Ad un figlio ci penso spesso. Il problema è che un bambino ha bisogno di due genitori… E io non ancora trovato la mamma giusta. Prometto però che, appena avrò rallentato un po’ con il lavoro, mi dedicherò all’impresa.”