Gossip News » Attualità » Ti vesti in modo trendy e alla moda? Metti a rischio la tua salute! – FOTO

Ti vesti in modo trendy e alla moda? Metti a rischio la tua salute! – FOTO

style_Italian

VESTIRSI IN MODO TRENDY E ALLA MODA METTE A RISCHIO LA SALUTE – Vestirsi in modo trendy seguendo tutte le mode del momento può nuocere gravemente alla salute. E’ quanto pubblica l’HuffPost che spiega quali sono i rischi che le donne corrono quando decidono d’indossare capi dettati imposti dall’ultima moda.

ORECCHINI PESANTI: Oltre al rischio di contrarre infezioni, gli orecchini pesanti, con il tempo, possono allungare i lobi delle orecchie.

BORSE PESANTI CON MANICI SOTTILI: indossare una borsa di questo tipo, costringe il tuo corpo ad assumere una posizione sbagliata con una spalla che è costretta a sollevarsi. Tutto ciò può causare rigidità muscolare, mal di tesa, torcicollo e mal di schiena.

REGGISENI TROPPO STRETTI: i reggiseni stretti impediscono lo sviluppo del muscolo favorendo la caduta precoce del seno.

CINTURE STRETTE: le cinture strette possono causare dolori e formicolii nonché un torpore alle gambe causato dalla compressione del nervo del femore.

PORTAFOGLIO NELLA TASCA POSTERIORE: sedere su un portafoglio gonfio crea uno spazio nel muscolo del gluteo che provoca dolore e fastidio.

TANGA: materiali non traspiranti come il pizzo possono trattenere l’umidità e provocare infezioni.

PANTALONI/GONNE ATTILLATE: i vestiti troppo attillati limitano i movimenti portando ad una cattiva postura. Inoltre possono causare la compressione dei nervi provocando fastidi e dolori.

TACCHI ALTI: i tacchi alti, come in molti sapranno, sono bellissimi ma possono provocare seri danni alla salute. I tacchi, infatti, spostano il peso del corpo sulle punte aumentando la pressione del piede e spostando l’equilibrio. Ginocchia e anche si spostano in avanti con il rischio di andare incontro a caviglie slogate, fratture al metatarso, compressione dei nervi, alluce valgo e dita a martello.

L’immagine è stata realizzata da Alissa Scheller e Raydene Salinas per l’HuffPost. Traduzione Stefano Pitrelli.