Gossip News » Primo Piano » Buffon e Pirlo in crisi: Gigi abita dall’amico, Andrea resta in mutande

Buffon e Pirlo in crisi: Gigi abita dall’amico, Andrea resta in mutande

Gigi Buffon e Andrea Pirlo sull’orlo do una crisi di nervi. La vita privata dei due campioni della Juventus, infatti, ha riservato loro amare sorprese. Gigi Buffon ha ormai ufficializzato la separazione da Alena Seredova, madre dei suoi due figli e lo stesso ha fatto Andrea Pirlo che è uscito allo scoperto con la sua nuova fiamma, Valentina Baldini. Per loro, però, le cose non sono affatto rose e fiori. Questo, almeno, è quanto trapela da Riccardo Stevens il figlio dell’avvocato Franzo Grande Stevens, storico legale della famiglia Agnelli e ancora oggi, presidente onorario della Juventus, coinvolto nelle vicende di gossip che hanno come protagonisti Buffon e Pirlo perché amico del primo ed ex fidanzato della nuova fiamma del secondo.

buffon e pirlo separazioneRICCARDO STEVENS SUL TRIANGOLO SEREDOVA-BUFFON-D’AMICO

La separazione tra la bella Alena Seredova e Gigi Buffon è ormai entrata di diritto nelle storie più calde del gossip di quest’anno. A ufficializzare la separazione di Gigi Buffon e Alena Seredova è stato proprio Riccardo Stevens che, ai microfoni di Vanity Fair, ha svelato che il portiere della Juventus è ospite a casa sua: “Ha avuto anche lui problemi in famiglia. È voluto uscire di casa per un periodo. Siamo molto amici. E poi, era un peccato che rimanesse vuota una casa come questa. Le due donne di servizio lo adorano, non fa in tempo a chiedere qualcosa che gliela fanno trovare pronta. All’inizio erano un po’ disorientate, hanno visto uscire una donna e un cane, ed entrare Gigi, non capivano. Ho spiegato loro che la vita cambia. Il feeling con lui è stato immediato perché siamo molto simili. Gigi è intelligente, sensibile, un calciatore atipico, con parecchi interessi, tra cui la finanza. Abbiamo anche messo in piedi un business insieme: lui ha comprato la maggioranza della Zucchi – l’azienda tessile, ha presente? – e io una quota. La scommessa è che nei prossimi cinque anni si riesca a farla ripartire. Per quanto mi riguarda può restare da me a tempo indeterminato, lui qua è il padrone di casa. Può starci anche dieci anni”. Sulla Seredova: “L’ho vista diverse volte ma non l’ho mai frequentata. Uno splendore. E una donna in gamba, mi è sembrato”. Su Ilaria D’Amico: “L’ho conosciuta a una cena: ha cervello, con lei si può parlare di tutto. Non so perché era da mio padre. Mi occupo di finanza, non faccio l’avvocato”.

RICCARDO STEVENS SU ANDREA PIRLO E VALENTINA BALDINI

Riccardo Stevens, poi, parla della relazione tra la sua ex e Andrea Pirlo: “Lui in realtà io non lo conosco, sono amico della vecchia guardia, non dei nuovi giocatori. E poi sono contento per Valentina. Ha trovato una collocazione più adatta a lei. Certo, avrebbe dovuto gestire la vicenda in maniera più discreta. La mia è una casa dove si è abituati a vivere in un altro modo. Mio padre ha studiato sessant’anni, un calciatore ha tirato calci al pallone per venti potrà avere un fisico più bello, ma il cervello è sicuramente meno allenato. Concordo che tutta questa vicenda sia piuttosto imbarazzante. Purtroppo le persone non si conoscono mai fino in fondo, e io ho fatto un errore di valutazione. Ho scoperto, forse tardi, che con Valentina abbiamo valori molto diversi. D’altra parte, la classe o ce l’hai o non ce l’hai”. I pregi di Valentina Baldini: “La bellezza, sicuramente. Ammetto di avere quella debolezza. Sono un esteta. E poi la spensieratezza. Lei è sempre allegra, non ha ansie, le scivola tutto addosso. Io sono un tipo più teso, con lei riuscivo a rilassarmi. Nella sostanza, tra noi era finita da tempo, ma non è semplice staccare la spina a una storia lunga. Credo che la relazione con Pirlo durasse già da un po’. Valentina mi ha informato solo dopo essere uscita di casa, ma a Torino la storia era sulla bocca di tutti. Come sempre, i traditi sono gli ultimi a sapere”. Stevens racconta la sua amicizia con l’ex signora Pirlo: “Ci ha presentati, di recente, un amico comune. Ci trovavamo entrambi in questa situazione, entrambi nostro malgrado, e naturalmente ne abbiamo parlato. Normale che sia nata una certa affinità. Ci siamo rivisti per un aperitivo, poi è venuta a cena a Montecarlo, una sera, con suo fratello e altri amici. L’ho trovata dispiaciuta perchè ha due figli, ma so che è in ottime mani. Pirlo resterà in mutande? A quello penserà Valentina. Soffre di una patologia, shopping compulsivo”.