Lidia Vella, dopo l’addio al grande Fratello arriva l’accusa shock

E’ appena uscita dalla casa del Grande Fratello con il 75% dei voti e il suo primo pensiero è Federica Lepanto. Lidia Vella, infatti, nella sua prima intervista rilasciata ai microfoni di Blogo, ha attaccato la sua rivale nella casa del Grande Fratello.

Lidia-Vella-Federica-LepantoLIDIA VELLA ATTACCA FEDERICA LEPANTO

Lidia Vella comincia l’intervista puntando subito il dito contro Federica Lepanto: “Non voglio peccare di presunzione, ma io conosco Alessandro. Fra lui e Federica non è andata bene ma non per colpa mia. Io sono sicura che fra loro non sarebbe potuta continuare, lei non è il tipo di ragazza che può stare con Alessandro. Non mi sono piaciuti alcuni suoi atteggiamenti: parlava spesso alle spalle di Alessandro, cercava compassione negli altri… Poi è sempre stata carina nei miei confronti, soprattutto dopo il litigio: mi dava baci, mi cercava, mi abbracciava. Ma da quando siamo andati in nomination, lei è cambiata, non mi ha più rivolto parola”.

In molti hanno parlato di una Federica Lepanto bullizzata ma Lidia Vella ha un altro pensiero: “Mi viene da ridere. Il bullismo è altro. Federica è una ragazza adulta, si può difendere da sola. Mi sono arrivate delle voci, aspetto una conferma visiva, ma se queste voci dovessero essere confermate… la vera bulla sarebbe lei, non io”.

Sul famoso fidanzato Ramzi, Lidia Vella dice: “Non ho un fidanzato. Ramzi non è il mio ragazzo: è una persona che mi interessa e a cui io tengo. Non avevamo alcun impegno, eravamo rimasti in stand-by. Fuori dalla Casa ci confronteremo, gli dovrò delle spiegazioni”.

Il concorrente peggiore del Grande Fratello: “Il peggiore è Simone. E’ falso, costruito, calcolatore. Non si gode le emozioni ed i rapporti con le persone. E’ disumano, non so come faccia”.

Il migliore: “Alessandro è la persona che merita più di tutti di vincere. E’ amato, si dà da fare, mette positività, ha gli attributi. Tutti l’hanno fatto passare per uno zerbino, ma lui si è spogliato e ha esternato le sue emozioni, anche umiliandosi, piangendo. L’uomo che riesce a lasciarsi andare e piangere, per me, è un vero uomo”.