Come si fa a tornare a vivere dopo essere stati accusati di un delitto? Come vivono alcuni dei protagonisti dei più macabri assassinii degli ultimi anni che non sono in carcere per mancanza di prove o perché dopo anni è stata riconosciuta loro una presunta innocenza? A cercare di rispondere a questa domanda ci ha pensato il Messaggero con un articolo in cui si va alla scoperta della vita “normale” di alcuni personaggi che ormai sono tragicamente entrati nella storia dell’Italia. Da Anna Maria Franzoni a Olindo e Rosa, cosa stanno facendo?

Annamaria Franzoni oggi: la vita agli arresti domiciliari

Annamaria Franzoni, come riporta il Messaggero, era stata accusata a 16 anni di carcere per l’omicidio di suo figlio Samuele nel 2002. Dopo aver trascorso sei anni di detenzione, ora è ai domiciliari e può uscire di casa per ben 4 ore al giorno al fine di svolgere le normali mansioni casalinghe. La donna vive ancora con il marito, Stefano, ma non abitano più a Cogne. I due hanno un altro figlio, di 24 anni, e una perizia psichiatrica ha dichiarato che la donna non corre il rischio di uccidere ancora.

Rosa e Olindo in carcere: tra sartoria e giardinaggio

Olindo Romano e Rosa Bazzi invece avevano ricevuto l’ergastolo per l’assassinio prima di Natale 2006 dei quattro vicini di casa. I due sono ancora in carcere: Rosa è reclusa nel carcere di Bollate dove lavora nella sartoria, ma può uscire ogni 15 giorni per incontrare il marito incarcerato nella prigione di Opera. Olindo, dal canto suo, scrive di giardinaggio e si occupa della manutenzione dell’orto della prigione.

Erika e Omar: una laurea e un lavoro al bar

Erika e Omar nel 2001 a Novi Ligure avevano ucciso la mamma di Erika, Susanna Cassini e il fratello Gianluca di 11 anni. I due fidanzatini avevano 16 e 17 anni di carcere, ma nel 2010 Omar venne scarcerato per buona condotta e grazie all’indulto. Erika uscì l’anno dopo. Omar oggi è un uomo di 35 anni, sposato con un figlio e lavora in un bar. Erika invece ha dichiarato di aver difficoltà a trovare lavoro per colpa del suo passato. Durante il carcere, comunque, Erika si è laureata in Lettere Moderne.

(Photo credit should read NICO CASAMASSIMA/AFP/Getty Images)

Anche SoloGossip è sbarcato tra le news di Google, Seguici da QUI con un CLICK!

S.Marvaldi