Enzo De Caro, Vieni Da Me, lacrime e commozione per il ricordo di Fabrizio Frizzi

enzo-decaro-vieni-da-me-fabrizio-frizzi

Enzo De Caro, Vieni da Me, Caterina Balivo: il ricordo commovente di Fabrizio Frizzi fa commuovere tutti
La puntata di oggi, 17 dicembre, di Vieni Da Me, di Caterina Balivo, vede come ospite l’attore Enzo De Caro. Con lui Caterina ha aperto i famigerati cassetti della cassettiera di Vieni da Me. Uno dopo l’altro si sono aperti anche i ricordi di Enzo De Caro.

Leggi anche –> Vieni da Me, Enzo De Caro si commuove per Pino Daniele: “Era un poeta”

Vieni da Me, Enzo De Caro: il ricordo di Fabrizio Frizzi

Il primo cassetto contiene un faro che riporta Enzo De Caro alla sua infanzia. L’attore passava qui le sue vacanze estive, ma da quel ricordo vuole aggiungere un suo ricordo personale, slegato all’infanzia. L’attore Enzo De Caro, infatti, era molto amico di Fabrizio Frizzi che proprio nella studio di Caterina Balivo conduceva il suo programma quando era ancora in vita. “Voglio ricordare un attimo Fabrizio che qui faceva il suo show. Fabrizio Frizzi  giocava con me a calcio e metteva fuori la qualità di grinta che non immaginereste. Era un uomo che smussava gli angoli, ma a calcio era un leone. Mi ha fatto effetto entrare qui in questi studi dove si girava il suo show. È una seccatura che non ci sia più, ma è una fortuna averli avuti con noi in vita”. Caterina Balivo si commuove e sottolinea come, all’inizio, nelle prime puntate di Vieni Da Me, tutti si sono commossi e hanno pianto nel ricordo di Frizzi, ma che ora si cerca di andare avanti con il ricordo di Fabrizio nel cuore.

Volete sapere tutto su Caterina Balivo, Vieni da Me e i suoi ospiti? Allora CLICCATE QUI.

Caterina Balivo, Enzo De Caro a Vieni da Me: La Smorfia

La cassettiera continua e si ricorda La Smorfia, il gruppo comico di cui faceva parte Enzo De Caro e Massimo Troisi e Lello Arena. “Il nostro cabaret era quasi dissacrante, perchè ci siamo sciolti? Beh con Massimo Troisi era impossibile litigare non era quello il punto. Gli chiesero di fare Ricomincio da Tre e dopo il suo successo fu talmente grande che non tornò più al cabaret, ma rimase nel mondo del cinema. Era assolutamente comprensibile”.