Il divo del cinema a luci rosse James Deen accusato di violenza sessuale: “Mi ha immobilizzata e…”

James Deen e Stoya
James Deen e Stoya

James Deen è forse il pornodivo più famoso del momento. Nonché il più amato. Ma nonostante quel sorriso ammaliante e quell’aria da “bravo ragazzo”, a quanto pare anche James nasconde un lato oscuro.

O almeno questo è quello che sostiene la sua ex ragazza (nonché collega, anche lei diva dei film a luci rosse) Stoya.

È Twitter il mezzo scelto dalla ragazza per raccontare al mondo cose le avrebbe fatto Deen qualche tempo fa, quando stavano ancora insieme: «Mi ha immobilizzata per terra e mi ha sc****a mentre gli dicevo di no. Ho anche tentato di usare la mia safeword».

La safeword è una parola chiave usata dai masochisti per far fermare il partner in caso di pericolo, o se quello che l’altro sta facendo ci spaventa, ci fa troppo male o va contro i nostri desideri. Non rispettarla corrisponde a commettere una vera e propria violenza sessuale. «Non posso più stare in silenzio e sorridere quando la gente parla di lui» ha aggiunto Stoya.

Poche ore dopo, forse spinta dal coraggio della collega, anche la porno attrice Tori Lux ha vuotato il sacco, contattando il settimanale Daily Best e raccontando di un increscioso episodio che sarebbe accaduto sul set di un film che stava girando, nel 2011. Quel giorno, James Deen si sarebbe presentato all’improvviso nel camerino della collega. «Non mi ero neanche rivestita quando con un sorriso finto mi ha detto: “Tori Lux, ti piacerebbe annusare i miei testicoli?” Gli ho risposto di no con tono neutro» ha rivelato Tori. Secondo il racconto della giovane, James non si sarebbe lasciato intimidire dal suo rifiuto e le sarebbe saltato addosso, prendendola per la gola e colpendola 5 o 6 volte per immobilizzarla: «Non mi ha lasciato il tempo di rinvenire del tutto che mi ha preso per i cappelli forzando la mia testa verso le sue parti intime».

Immediata la reazione alle accuse dell’attore, che si è visto costretto a intervenire su Twitter: «Ultimamente sono state pubblicate delle dichiarazioni sensazionalistiche contro di me. Voglio assicurare i miei amici, i miei fan e i miei colleghi che queste accuse sono finte e diffamatorie. Rispetto le donne e rispetto i limiti, che siano professionali o personali».