Mark Zuckerberg rivela una clamorosa decisione, come la prenderanno i suoi fan?

Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, ha ammesso un’amare realtà
L’informatico statunitense Mark Zuckerberg, nel corso di una conference call, ha rivelato di aver avuto la volontà di chiudere il social network Facebook per sempre. Dopo le accuse mosse alla società di Zuckerberg, pubblicate sul New York Times, era inevitabile che, nel corso della conference call, si toccassero argomenti che riguardano proprio gli scandali che ruotano intorno alla società del famoso social network. Si è parlato, infatti, della volontà di Facebook di promuovere la campagna elettorale di Donal Trump, nel 2016, dello scanalo Cambridge Analytica. Ma non solo. Perché, durante la conferenza, Mark ha risposto ad una giornalista che gli ha chiesto se ha mai pensato di chiudere il famoso social network. La sua risposta vi spiazzerà, ve lo anticipiamo.

Per ulteriori news su tutti i temi più scottanti d’attualità –> CLICCA QUI

Leggi anche –> Come cancellarsi da Facebook ed eliminare definitivamente l’account

Leggi anche –> Facebook nei guai: in pericolo la sicurezza di 50 milioni di account

Mark Zuckerberg, la clamorosa rivelazione: “Ho pensato di chiuderlo”

Sono stati tantissimi gli argomenti a cui Mark Zuckerberg, fondatore e Ceo di Facebook, ha dovuto rispondere nel corso della conference call. Gli ultimi due anni, infatti, nonostante i grandissimi fatturati, l’azienda del più famoso social network ha vissuto dei momenti davvero difficili. La ciliegina sulla torta, inoltre, sono state le accuse pubblicate sul New York Times, che descrivono in maniera minuziosa manovre oscure ed insabbiamenti sulla gestione di Facebook. Ciò che però ha letteralmente colpito è stata una domanda specifica, fatta da una giornalista: “Ha mai pensato di chiudere Facebook?”. La risposta è arrivata dopo qualche minuto:” Si, in diverse occasioni. Nel 2010 e qualche mese fa”. Tantissimo è stato lo stupore di tutti i presenti. Ma Mark ha subito tranquillizzato: “L’ho fatto solo per difendere la privacy delle persone coinvolte nella fuga di dati a opera di hacker”.