Marco Carta, momento emozionante a “Vieni da me”: Caterina Balivo in lacrime

Marco Carta
Tra gli ospiti di “Vieni da me” merit auna menzione particolare il cantante Marco Carta che ha raccontato la sua storia: in un momento ha emozionato tutto e fatto piange Caterina Balivo raccontando un aneddoto particolare che riguarda sua madre, morta prematuramente quando lui era ancora un bambino.

Marco Carta, momento emozionante a “Vieni da me”: Balivo in lacrime
Come al solito le emozioni sono di casa nel salotto di “Vieni da me”. Caterino Balivo, infatti, è in senso assoluto la più grande conduttrice per la sua capacità di mettere a proprio agio i suoi ospiti e lo stesso è accaduto con Marco Carta. Il cantante, infatti, doveva scegliere con chi duettare eliminando di volta in volta qualcuno. Ad un certo punto la scelta doveva esser fatta tra Arisa, sua grande amica oltre che collega, ed Elton John. Ed a proposito del compositore inglese, il cantante ha svelato un aneddoto davvero emozionante.

Per conoscere in tempo reale tutto quello che c’è da sapere a proposito di Marco Carta, uno dei cantanti più apprezzati in senso assoluto in Italia, e per sapere sempre tutto per quanto riguarda la sua vita privata e professionale, allora CLICCA QUI!

Il racconto, infatti, si è spostato sulla sua madre, morta quando aveva solo 28 anni e quando lui era praticamente un bambino. Ed anche Caterina Balivo non ha trattenuto le lacrime: si è infatti fortemente emozionata e per qualche istante non è riuscita a parlare. Altro racconto commovente dopo il suo coming out.

Marco Carta emoziona Caterina Balivo

Questo il suo racconto: “Ho visto Sanremo a casa di Arisa ed ho mangiato delle cose vegane… Non lo farò mai più! Mi piacerebbe una collaborazione con lei, anche se non ne abbiamo mai parlato. La mia canzone preferita di Elton John è “Candle in the wind”. Mia madre era morta l’anno prima dell’uscita di questo brano e mia nonna si appassionò molto alla storia di Lady Diana, a cui la canzone era dedicata. Ascoltando questa canzone da bambino, quando la ascolto adesso non penso tanto a mia madre quanto a mia nonna che si perdeva nel pensare a mamma. Quindi, ancora oggi, è una canzone che mi fa pensare a mia madre. Era davvero una donna bellissima”.