Napoli, arrestato l’uomo che ha sparato alla piccola Noemi

Napoli, arrestato l’uomo che ha sparato alla piccola Noemi. Bloccato anche il fratello considerato coinvolto nella pianificazione dell’agguato.

Nell’agguato di venerdì 3 maggio erano rimasti feriti la piccola Noemi ed un uomo, Salvatore Nurcaro, vero obiettivo del killer in Piazza Nazionale. Oggi è stato catturato l’uomo che ha sparato e, con lui, anche il fratello considerato coinvolto nella pianificazione del terribile agguato.

  • Per altre notizie come questa e per essere sempre aggiornato su tutte le news di cronaca provenienti dall’Italia, clicca qui!

Napoli, arrestato l’uomo che ha sparato alla piccola Noemi

Si chiama Armando dal Re ed è stato fermato nei dintorni di Siena mentre il fratello è stato fermato vicino Nola, in provincia di Napoli. Quest’ultimo avrebbe fatto da complice ad Armando dal Re nella pianificazione dell’agguato.
Agguato che, secondo quanto ha riferito il pm, è avvenuto in pieno contesto camorristico. Decisive sarebbero state le telecamere di videosorveglianza ma nella conferenza stampa non sono state fornite ulteriori informazioni.
Nell’agguato ad opera di Armando dal Re sono rimaste ferite tre persone tra cui la bambina di 4 anni Noemi e la nonna. Il bersaglio era però Salvatore Nurcaro, 32enne pregiudicato colpito con sei colpi d’arma da fuoco.
La bambina è stata immediatamente all’ospedale Santobono dove è tutt’ora ricoverata. Giovedì 9 i medici avevano comunicato un “lieve graduale miglioramento della funzione respiratoria“. Il bollettino medico continuava: “Il nuovo quadro clinico ha reso possibile la riduzione dell’apporto di ossigeno mediante ventilazione. Continua la sedazione profonda e il monitoraggio continuo di tutti i parametri. La prognosi permane riservata”.
Arriva anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Complimenti a forze dell’ordine, inquirenti e magistratura per la cattura del delinquente che ha sparato alla piccola Noemi. Nessuna tregua contro camorristi e criminali, lo Stato e i napoletani vinceranno la sfida. Lo stato risponde con i fatti e non con le parole”. Anche Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia, si è detto”sollevato dall’arresto dell’uomo che ha sparato, ferendo gravemente Noemi”.