22enne muore dopo il parto: il medico le ha strappato l’utero per sbaglio

Una giovane 22enne muore a causa dei dolori troppo forti dopo il parto in seguito ad un’operazione sbagliata del medico: le ha strappato l’utero per sbaglio.

22enne muore
Una 22enne muore in seguito ad un’operazione sbaglia del medico. Fonte Foto: Getty Images

Un vero e proprio dramma per una giovane 22enne russa. Che, dopo ave dato alla luce la sua primogenita, è morta dopo qualche ora. Stando a quanto si apprende da alcune notizie che circolano sul web, Alisa Tepikina, è questo il nome della neo mamma, sarebbe morta in seguito ad un’operazione sbagliata applicata dal medico in sala operatoria. Aveva appena partorito la piccola quando il chirurgo anziché asportarle la placenta, le ha asportato per sbaglio l’utero. Un errore davvero incredibile. Che, come dicevamo precedentemente, è stato fatale per la giovane ragazza. Infatti, Alisa muore pochi istanti a causa dei troppi dolori.

22enne muore dopo il parto: il medico sbaglia l’operazione e le asporta l’utero

Doveva essere il giorno più bello per Alisa Tepikina e la sua famiglia. E, invece, si è rivelato un vero e proprio dramma. La giovane russa si era recata in sala operatoria per dare alla luce la sua primogenita. Ma è proprio qui, purtroppo, che è stata vittima di un fatale destino. Dopo aver partorito la sua piccola, il medico avrebbe dovuto applicarla la classica operazione di asportazione della placenta. Ecco. È proprio in questo momento che si verifica la tragedia. Anziché, come dicevamo, asportarle la placenta, il medico 27enne le asporta l’utero per sbaglio. Dopo essersi reso conto del clamoroso sbaglio commesso, il giovane, attualmente giudicato inesperto ed incompetente, ha tentato di rimediare al misfatto inserendo nuovamente nel corpo di Alisa l’utero asportato. Ma a nulla sono valsi i tentativi disperati. Perché, pochi istanti dopo, la 22enne muore in seguito ai troppi dolori e, soprattutto, in seguito ad un arresto cardiaco.

Per ulteriori news su notizie d’attualità –> clicca qui