L’Immortale, Ciro di Marzio è vivo: “Sono riemerso con lui”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:43

Oggi esce in tutte le sale cinematografiche “L’Immortale”, il primo film da regista di Marco d’Amore, alias Ciro Di Marzio in “Gomorra – la serie”

l'immortale film
L’Immortale, Marco D’Amore racconta il nuovo Ciro Di Marzio

È il giorno de “L’Immortale“, il primo film da regista di Marco d’Amore. La pellicola è un progetto crossmediale e innovativo attraverso il quale, per la prima volta in assoluto nella storia della serialità, un film diventa anche un segmento del racconto a cavallo tra le due stagioni di una serie televisiva. Il nuovo film di D’Amore, infatti, lancerà la quinta stagione di Gomorra – la serie. La pellicola racconterà il passato, ma anche il presente, di Ciro Di MarzioL’immortale di Scampia è stato ferito nell’ultima puntata della terza stagione di Gomorra dal suo amico fraterno Genny Savastano. Tutti credono che sia morto, ma Ciro non muore mai. Riemerge dalle acque del golfo di Napoli e si rifugia a Riga, in Lettonia

L’Immortale, le parole di Marco d’Amore

Oggi la redazione di Sologossip era presente al Grand Hotel Vesuvio per la conferenza stampa di presentazione del nuovo film di Marco d’Amore. L’attore di Ciro Di Marzio si è complimentato con tutto il cast, dichiarando: “Questi ragazzi sono l’esempio che Napoli è una fucina di talenti” poi ha parlato del suo film “È frutto di un’ossessione che nutro da tempo. L’ho amato e l’ho odiato, sono annegato con lui e sono anche riemerso. Ciro mi ha insegnato tante cose. Anche lui è stato bambino, anche a lui è mancata la mamma ed ha avuto paura la notte. Questo mi ha fatto capire che dietro quell’essere ce n’era un altro“.

l'immortale cast film
Il cast del nuovo film di Marco d’Amore

Marco, poi, ha risposto anche ad alcune domande su Gomorra – la serie e sulla città di Napoli: “Chi dice che Gomorra è Napoli e che solo a Napoli esistono associazioni criminali è libero di pensarlo. Si sveglierà tra dieci anni e capirà che ad ogni latitudine del mondo è così“.

Dal nostro inviato Vincenzo Mele