Patrizia De Blanck, confessione terribile: “Ho rischiato di morire”

Patrizia De Blanck, nel corso di una vecchia intervista, ha fatto una confessione terribile: “Ho rischiato di morire”, ecco cos’è successo

patrizia de blanck confessione
Patrizia De Blanck, confessione terribile sul suo passato (Fonte: Screen Mediaset Play)

Patrizia De Blanck è la discendente di una nobile famiglia veneziana. Suo padre è Guillermo De Blanck y Menocal, ambasciatore di Cuba. La contessa è divenuta famosa in televisione, esordendo negli anni Sessanta come valletta a “Il Musichiere”. In seguito ha partecipato ad alcuni reality show, tra cui “L’Isola dei Famosi” nel 2008 insieme alla figlia Giada De Blanck. Di recente, invece, è entrata nella casa più spiata d’Italia, quella del “Grande Fratello Vip”.

Patrizia De Blanck, confessione terribile sul suo passato

Nel corso di un’intervista a Pomeriggio Cinque, programma televisivo condotto da Barbara D’Urso, la contessa Patrizia De Blanck ha confessato di aver rischiato di morire. Questo è successo nel 2017, quando la contessa ha avuto un’infezione ai dotti lacrimali a causa del troppo piangere. La figlia Giada, vedendo la madre peggiorare giorno dopo giorno, l’ha costretta ad andare in ospedale, dove ha scoperto che stava rischiando una meningite fulminante. Fortunatamente i medici sono intervenuti in tempo e la contessa ha ripreso il suo stato di forma. Oggi resta solo un brutto spavento per Patrizia e la figlia Giada.

Patrizia De Blanck è senza ombra di dubbio uno dei concorrenti più discussi della quinta edizione del Grande Fratello Vip. Il suo carattere verace, quasi ‘popolare’, nonostante appartenga alla nobiltà, ha conquistato una fetta di pubblico. Il suo personaggio, però, è destinato a dividere, perchè, se da una parte c’è chi la apprezza per la sua spontaneità, dall’altra c’è chi invece critica il suo tono spesso ‘volgare’. La De Blanck ha ricevuto già qualche richiamo da parte della produzione, ma nella casa continua a dettar legge. Nelle prossime settimane potrebbe esserci un ‘colpo di stato’.