Nuovo dpcm, si possono accompagnare i bambini dai nonni?

Nel nuovo dpcm è previsto accompagnare i bambini dai nonni? Il governo pubblica le Faq sulle misure restrittive

nuovo dpcm bambini nonni
Nuovo dpcm, è consentito portare i bambini dai nonni? (Fonte: Pixabay)

Il nuovo dpcm firmato dal premier Conte è entrato in vigore su tutto il territorio nazionale. L’Italia è stata divisa in zone: gialla, arancione e rossa. La maggior parte delle regioni sono state collocate nella zona gialla. Nella zona rossa invece, oltre alla Lombardia e al Piemonte, si trova anche la regione Calabria. Le misure restrittive contenute nel nuovo decreto ovviamente cambiano da zona a zona. Il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino, però, è attivo su tutto il territorio nazionale.

Nuovo dpcm, i bambini possono andare dai nonni?

Il governo ha pubblicato le Faq sulle misure restrittive contenute nel nuovo dpcm. Le domande e risposte sono visibili sulla mappa dell’Italia pubblicata sul sito di Palazzo Chigi. Nelle Faq, ad esempio, c’è scritto che in area gialla è consentito spostarsi dalle 5 alle 22 senza portare con sé l’autocertificazione. In area arancione, invece, ci si può muovere soltanto all’interno del proprio comune, dalle 5 alle 22, e non bisogna esibire l’autodichiarazione in questa fascia oraria. È sempre consentito, inoltre, spostarsi per portare i propri figli a scuola. In area rossa, infine, è vietato qualsiasi spostamento, ad eccezione degli spostamenti motivati da esigenze lavorative, di necessità o per motivi di salute. Non si possono incontrare, inoltre, congiunti, parenti o amici.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale) in data:

Riguardo le visite ai nonni, invece, tra gli spostamenti permessi, nelle tre fasce, rientra anche la possibilità di accompagnare i propri bambini dai nonni. Sul sito, infatti, si legge: “è possibile ma fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio da COVID-19 e devono quindi evitare il più possibile i contatti con altre persone. Pertanto, questo spostamento è ammesso solo in caso di estrema necessità”.