L’Eredità, chi è il campione Massimo Cannoletta: ha battuto ogni record

In questo articolo vi diciamo chi è Massimo Cannoletta, il campione de L’Eredità che ha battuto ogni record

massimo cannoletta eredità
L’Eredità, chi è Massimo Cannoletta: il campione ha già battuto ogni record (Fonte: Screen RaiPlay)

L’eredità è uno dei giochi televisivi più seguiti della televisione italiana. La trasmissione va in onda dal 29 luglio 2002 su Rai 1 in fascia preserale ed attualmente è condotto da Flavio Insinna. Nelle sue versioni più recenti, il programma prevede una sfida tra sette concorrenti in diverse prove, fino ad arrivare alla proclamazione del vincitore della puntata che potrà così accedere alla fase finale del gioco, la Ghigliottina. Il programma è stato ideato da Amadeus e Stefano Santucci partendo dal format argentino El legado. Amadeus ha condotto il programma dal 2002 al 2006, per poi passare a Carlo Conti, Fabrizio Frizzi ed infine Flavio Insinna.

L’Eredità, chi è il campione Massimo Cannoletta

Nella storia de L’Eredità si sono susseguiti tantissimi campioni. Molti hanno scritto la storia del programma, vincendo somme veramente ragguardevoli. Attualmente, da circa tre settimane, la leadership del programma è detenuta da Massimo Cannoletta, campione in carica del quiz show di Rai Uno. L’uomo, nato a Lecce, ha battuto ogni tipo di record. È arrivato ben nove volte alla fine del gioco ed ha vinto ben 130 mila euro.

Massimo Cannoletta, durante la sua prima apparizione all’Eredità, ha dichiarato di aver lavorato come direttore di crociera per una nota azienda, mentre oggi lavora come divulgatore in ambito storico e artistico. Le sue passioni principali sono musica, teatro, organizzazione di eventi, ma soprattutto viaggiare. Il campione in carica del quiz show ama molto visitare luoghi ancora sconosciuti. In una puntata del quiz show di Rai Uno ha dichiarato addirittura di aver compiuto due volte il giro del mondo. L’uomo è molto attivo sui social, in particolare su Twitter, dove di recente ha scritto: “Sono un po’ assente perchè un signore molto loquace e di una rara nobiltà d’animo mi tiene impegnato tartassandomi di domande… Flavio Insinna”.