Francesca Cipriani, racconto choc a Domenica Live: “Sequestrata e violentata”

Francesca Cipriani, nel corso della puntata odierna di “Domenica Live”, si è lasciata andare ad un racconto choc: ecco le sue parole

francesca cipriani domenica live
Francesca Cipriani, racconto choc a Domenica Live: le sue parole (Fonte: Instagram)

Francesca Cipriani è una nota showgirl originaria di Popoli, in provincia di Pescara. È divenuta famosa, oltre che per le sue forme ‘bombastiche’, anche per la partecipazione alla sesta edizione del Grande Fratello e per la vittoria nel reality show de La Pupa e il Secchione. Nel 2018 ha partecipato anche all’Isola dei Famosi, dove si è classificata al quarto posto. La Cipriani ha realizzato tre calendari: il primo nel 2007 per Show Television, il secondo nel 2010 per il programma di Italia 1 Mitici ’80 e il terzo nel 2015 per la rivista Eva Tremila. Di recente, ha vestito anche i panni di co-conduttrice nel reality show de La Pupa e il Secchione e viceversa.

Francesca Cipriani, racconto choc a Domenica Live

La Cipriani è stata ospite nella puntata odierna di Domenica Live. La showgirl e conduttrice televisiva si è lasciata andare ad un racconto choc nel salotto di Barbara D’Urso. L’ex vincitrice de La Pupa e il Secchione ha raccontato di essere stata sequestrata da adolescente e di aver subito violenze fisiche. Un racconto terribile, che ha lasciato di stucco la conduttrice e l’intero pubblico. La Cipriani ha raccontato di essere stata sequestrata all’età di 19 anni: “Ricordo di aver avuto davanti il bancone e dietro c’era lui, un uomo possente. Ho provato a districarmi dalla situazione ma non ci riuscivo, perchè lui era più forte di me. Non ce la facevo più a urlare e mi sono anche sentita male, stavo svenendo, sentivo di non avere via di uscita. Quando sono svenuta si è spaventato e piano piano mi ha liberato e sono riuscita a scappare”.

Francesca ha poi raccontato di essere stata salvata dalla madre: “Mi sono ritrovata a mia madre davanti al negozio perché si era preoccupata, dato che l’orario di chiusura era alle 20. Mia mamma ha subito capito che è successo qualcosa che non doveva succedere. Mi ha portato al pronto soccorso e poi a denunciare la violenza”.