Vaccino anti Covid, splendido annuncio: succederà la prossima settimana

Il commissario Figliuolo fa uno splendido annuncio sul vaccino anti Covid: succederà la prossima settimana

vaccino anti covid
Vaccino anti Covid, splendido annuncio: cosa succederà la prossima settimana (Fonte: Pixabay)

L’Italia continua a combattere contro il Coronavirus. Il temutissimo morbo, presente nel nostro paese da ormai un anno, non è ancora sparito, anzi, continua a contagiare migliaia e migliaia di persone al giorno. L’Italia è alle prese con la terza ondata del virus e per il secondo anno consecutivo gli italiani saranno costretti a trascorrere a casa le festività pasquali. Niente feste e classiche gite del lunedì di Pasquetta, quasi tutto il paese è in lockdown. Misure drastiche del governo, che nel frattempo sta cercando di sbloccare la situazione legata al vaccino. Il farmaco è l’unico antidoto efficace contro il virus, nonché l’unica speranza per la fine della pandemia. Proprio nelle ultime ore, il Commissario Figliuolo ha fatto uno splendido annuncio. Di seguito vi riportiamo le sue parole.

Vaccino anti Covid, splendido annuncio: le parole di Figliuolo

Sul fronte vaccino, arriva una bellissima notizia per il nostro paese. Il commissario Figliuolo ha annunciato l’arrivo di quasi due milioni di dosi per la prossima settimana: “Oltre 500 mila dosi Moderna e oltre 1,3 milioni di AstraZeneca”. L’annuncio è arrivato da Messina, dove questa mattina, accompagnato dal capo della Protezione civile della Sicilia Salvatore Cucina, ha visitato l’hub vaccinale della città. Figliuolo ha poi proseguito: “Oggi abbiamo sul piatto undici milioni di dosi di vaccino. Abbiamo superato delle ottime percentuali”. Il commissario ha poi assicurato che “non esiste alcuna disparità tra le regioni”.

vaccino anti covid
Il vaccino è l’unica speranza per la fine della pandemia (Fonte: Pixabay(

L’annuncio del commissario Figliuolo dunque fa ben sperare gli italiani. Il vaccino è l’unica arma efficace contro il virus. In Italia ad oggi sono stati vaccinati il personale sanitario, quello scolastico e in questi giorni si sta procedendo con gli ultraottantenni. Per l’estate il governo spera di poter vaccinare la maggior parte della popolazione.