Sottomarino scomparso in Indonesia, “È affondato”: a bordo 53 persone

Il sottomarino scomparso in Indonesia, al largo della costa di Bali, secondo le autorità sarebbe affondato: a bordo c’erano 53 persone

sottomarino indonesiano
Il sottomarino indonesiano sarebbe affondato: l’annuncio delle autorità (Fonte: Pixabay)

Oggi purtroppo siamo costretti a raccontarvi una brutta notizia di cronaca. Il sottomarino scomparso in Indonesia, al largo della costa di Bali, con 53 persone a bordo sarebbe affondato. La comunicazione è giunta dalle autorità indonesiane. Queste avrebbero recuperato alcuni detriti dall’interno del sommergibile. Il portavoce della Marina ha dichiarato: “Con prove autentiche che si ritiene provengano dal KRI Nanggala, abbiamo cambiato lo status da scomparso ad affondato”. Dolore per le famiglie delle 53 persone presenti a bordo del sottomarino.

Sottomarino scomparso in Indonesia: “È affondato”

Le autorità indonesiane, attraverso il portavoce della Marina, hanno comunicato che il sottomarino scomparso in Indonesia al largo della costa di Bali sarebbe affondato. Sono stati ritrovati alcuni oggetti dell’interno del sommergibile, i quali, sempre secondo il portavoce della Marina, non potrebbero provenire da un altro natante. I soccorritori hanno trovato diversi oggetti, tra cui parti una piastra per siluri e una bottiglia di grasso, la quale potrebbe essere stata utilizzata per oliare il periscopio. Il capo della Marina indonesiana, Yudo Margono, ha dichiarato ufficialmente affondato il sottomarino e non ci sarebbero speranze di trovare in vita i53 membri dell’equipaggio. Margono ha poi aggiunto: “Abbiamo scoperto detriti nell’area in cui si è immerso l’ultima volta”. I funzionari hanno poi spiegato che la fornitura di ossigeno è terminata nelle prime ore di sabato.

sottomarino indonesia
Difficile resistere ad una certa profondità per il sottomarino (Fonte: Pixabay)

Sin dall’inizio, le speranze erano veramente ridotte al lumicino. Quel tipo di sottomarino, infatti, non è in grado di resistere alle pressioni che si incontrano a quelle profondità (parliamo di una profondità tra i 500 e i 600 metri). Senza ossigeno, inoltre, sarebbe stato difficile sopravvivere, anzi quasi impossibile.