Maradona, sette persone accusate di omicidio volontario: rischiano fino a 25 anni

Sette persone sono accusate di omicidio volontario per la morte di Diego Armando Maradona: sono previste pene severissime

maradona omicidio volontario
Maradona, sette persone accusate di omicidio volontario: la pena sarebbe severissima (Fonte: Instagram)

Il 25 novembre 2020, pochi giorni dopo aver compiuto 60 anni, Diego Armando Maradona è morto improvvisamente per un’edema polmonare acuto conseguente a insufficienza cardiaca. Pochi giorni prima aveva subito una delicata operazione al cervello per la rimozione di un ematoma subdurale di origine traumatica. In seguito aveva iniziato un lungo periodo di convalescenza e di riabilitazione dopo la buona riuscita dell’intervento.

L’improvvisa morte ha suscitato un grande cordoglio in tutto il mondo, particolarmente in Argentina, dove il presidente Alberto Fernández ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale. Grosse manifestazioni ci sono state anche a Napoli, la sua seconda casa. Lo Stadio San Paolo è rimasto illuminato per tutta la notte in suo omaggio e il giorno seguente, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, ha annunciato la decisione di intitolare lo stadio a Maradona.

Maradona, sette persone accusate di omicidio volontario

La morte di Diego Armando Maradona resta ancora avvolta nel mistero e la giustizia argentina sta cercando di fare luce sull’accaduto. È notizia dell’ultima ora che sette persone sono state accusate di omicidio volontario nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del Pibe de Oro. I sette incriminati dal 31 maggio saranno chiamati a deporre di fronte al giudice. Si tratta di due infermieri, del coordinatore Mariano Perroni, del medico Nancy Forlini, dello psicologo Carlos Diaz, della psichiatra Agustina Cosachov e del neurochirurgo Leopoldo Luque. Le sette persone rischiano una pena molto dura, che va da 8 a 25 anni di reclusione.

Se fosse provata una responsabilità superiore rispetto alla presunta grave negligenza, i sette rischierebbe seriamente la galera. La stampa sudamericana ricorda inoltre che le perizie effettuate sulla morte di Maradona hanno stabilito che il Pibe de Oro venne letteralmente abbandonato dal team sanitario.