È sempre mezzogiorno, malore in studio: attimi di panico per Antonella Clerici

Malore nello studio di “È sempre mezzogiorno”, attimi di panico per Antonella Clerici: ecco cos’è successo

è sempre mezzogiorno
È sempre mezzogiorno, malore in studio: cos’è successo nel programma di Antonella Clerici (Fonte: Screen Instagram)

In una delle scorse puntate di “È sempre mezzogiorno”, programma condotto da Antonella Clerici su Rai 1, c’è stato un malore in studio. La conduttrice ha vissuto veramente attimi di panico. Di seguito vi spieghiamo cos’è successo.

LEGGI ANCHE: Antonella Clerici, il toccante retroscena: riguarda la compagna di suo padre

È sempre mezzogiorno, malore in studio: cos’è successo

È sempre mezzogiorno è un programma televisivo trasmesso dal 28 settembre 2020 su Rai 1 dopo la cancellazione de “La prova del cuoco”. Il programma va in onda dal lunedì al venerdì dalle ore 11:55 alle 13:30 ed è condotto da Antonella Clerici. Durante il programma gli ospiti e il cast in studio cucinano alcune ricette tipiche delle loro terre, raccontandone tutti i segreti ed i dettagli. Il cast è composto da persone di varia provenienza ed anche di diversa specializzazione, che garantiscono la visione di una grande varietà di piatti cucinati, passando ad esempio da primi a secondi di varie regioni e provenienza.

In una delle scorse puntate del programma condotto da Antonella Clerici c’è stato un malore in studio. Angela Frenda, protagonista del programma della Clerici, in cui racconta storie d’amore e di grandi donne, non si è sentita bene. La Clerici ha intuito subito che c’era qualcosa che non andava. La Frenda ha confermato scuotendo il capo che non stava bene.

(Instagram)

La conduttrice l’ha fatta accompagnare subito dietro le quinte, rassicurando il pubblico e dicendo che Angela aveva avuto delle giornate molto faticose.
Prima di terminare la puntata, la Clerici ha chiesto al medico in studio, Evelina Flachi, come stesse la Frenda. Il medico ha dichiarato che si tratta di un problema di pressione alta, una stanchezza eccessiva.