Gossip News » Reality Show » Grande Fratello » Grande Fratello: Guenda, Patrick e ora anche Fabrizio Conti in dolce attesa

Grande Fratello: Guenda, Patrick e ora anche Fabrizio Conti in dolce attesa

GRANDE FRATELLO – Pioggia di neonati sugli ultimi protagonisti del Grande Fratello. Dopo la notizia della gravidanza della neo sposina Guendalina Tavassi e quella della dolce attesa di Patrick Pugliese e Martina Pascutti, ecco che un altro ex gieffino ha una bella notizia da dare ai fan.

Questa volta si tratta dell’ex latin lover Fabrizio Conti, colui che sedusse l’igienista dentale Caterina Siviero poco dopo l’uscita dalla casa spezzando il cuore all’allora fidanzato di lei, Armando Avellino (che ovviamente scoprì il fattaccio in diretta tv). Da seduttore a sedotto, oggi Fabrizio è innamoratissimo di Sara Esposito, sua fidanzata da ormai un anno.

Presto diventerò padre. E precisamente a dicembre nascerà mio figlio. Sono felicissimo” ha annunciato Fabrizio a Visto “È sempre stato un mio desiderio. Un uomo a 33 anni deve pensare anche a questo, a maturare. La vita, senza un figlio, non ha senso. Ho sempre creduto nei saldi valori della famiglia che mi sono stati trasmessi dai miei genitori. È ovvio che il pubblico che mi ha conosciuto con il Grande fratello può essersi fatto un’idea diversa. Però quel Fabrizio era, e utilizzo il passato perché oggi non è più così, semplicemente, un ragazzo single che si voleva divertire”.

Poi qualcosa è cambiato: “Poi ho incontrato Sara un anno fa. E ho capito che era la persona giusta. Nonostante i litigi e un rapporto turbolento, ho sempre saputo che era speciale. E, più di tutte, mi ha sempre dimostrato che ci teneva a me, che voleva avere un rapporto, costruire qualcosa“.

Anche Sara è al settimo cielo per questa gravidanza: “Anch’io, fin dal primo momento che l’ho conosciuto, ho capito che era l’uomo della mia vita e, nonostante ci siano stati momenti di rottura, incomprensioni e scontri, non ho mai smarrito quell’idea. Oggi siamo insieme. Felici. E aspettiamo un figlio. Non potevamo chiedere di meglio“.