Nei mesi scorsi ha fatto molto discutere il titolo di un settimanale che parlava di Emma Marrone: “Emma omosessuale?”. Ricordiamo tutti lo sfogo della cantante sui social network.

Uno sfogo in cui Emma Marrone si indignava per il paese retrogrado in cui si trovava: l’Italia. “Questo paese è rimasto al Medioevo”, spiegava la cantante nel post che pubblicò su Instagram. Insomma, in realtà in Italia si continua ad additare le persone omosessuali come ‘diverse’. E’ questo che ad Emma proprio non va giù e lo spiega anche nell’intervista che ha appena rilasciato.

LEGGI ANCHE —> Linus e Savino in intimo, interviene Malgioglio: la battuta fa sorridere tutti

LEGGI ANCHE —> Il racconto choc di Marco Bocci: “L’herpes è arrivato al cervello”

Emma Marrone spiega: “Credo molto nell’amicizia”

Emma Marrone ha toccato di nuovo l’argomento. Sì, ci è tornata su ma questa volta con un animo più pacato: “Io mi sono sempre innamorata della testa delle persone. Amo molte donne, mi circondo di donne. Credo molto nell’amicizia femminile. Amo tantissimo le mie amiche, il loro mondo. Non so realmente se riuscirei ad amare anche in quel modo perché sessualmente nella mia vita sono sempre stata molto chiara. So quello che mi piace e no. Fortunatamente a casa mia l’omosessualità non è mai stata considerata una diversità. Ci hanno sempre cresciuto con un’idea di rispetto fortissimo. Anche da piccoli, con mio fratello non sapevamo il significato della parola “frocio” o “ricchione” perché in casa mia queste parole non sono mai state usate. Si è sempre parlato di omosessualità vista come una cosa normale. I miei genitori mi hanno sempre detto “a noi non importa se torni a casa con un uomo o una donna. Ci basta tu sia felice. Grazie a mia madre ho sempre avuto un buon rapporto con il mio corpo. Non mi sono mai fatta dei problemi quando sono stata un po’ più pienotta, non me ne frega. Ho le mie smagliature. Non ho mai puntato niente sul corpo. Tutto quello che ho raggiunto l’ ho ottenuto con la testa, però non mi si può dire che non sono un pezzo di fig* e quindi non mi devo lamentare”.