Melissa Satta
Davvero molto duro l’attacco che in queste ore è piovuto addosso alla nota show girl ed ex Velina Melissa Satta da parte di un ex tronista. Le parole fanno molto rumore e non passano assolutamente inosservate dal momento che le accuse sulla bellissima donna non sono per niente banali.

Melissa Satta, duro attacco: “Se sei famosa lo devi a me, ingrata!”
La bellissima modella, show girl ed ex Velina Melissa Satta è diventata famosa, oltre che per la sua straordinaria bellezza e per le sue pose spesso da urlo, anche per la sua capacità di essere sempre molto chiara e diretta. Senza fronzoli. E proprio con questa maniera aveva parlato di una sua vecchia fiamma, usando parole non proprio di elogio nella trasmissione “La repubblica delle donne”: “Povera me! Ero una bambina di appena diciotto anni. Anche io ancora oggi mi chiedo il perché? In quella relazione ero io l’uomo”.

Per conoscere in tempo reale tutto quello che c’è da sapere a proposito in senso generico del mondo dello spettacolo in Italia, con un riferimento invece stavolta più preciso e puntuale per quanto riguarda la bellissima show girl Melissa Satta, di modo da essere sempre aggiornato sulla sua vita privata e professionale, allora CLICCA QUI!

L’oggetto del suo discorso era l’ex tronista Daniele Interrante che, a quanto pare, è stato preso di sorpresa ed ha deciso di replicare a queste parole con una lunga intervista concessa a “Spy”.

Melissa Satta, duro attacco nei suoi confronti

Queste le parole di Daniele Interrante a dir poco dure: “Ricordo a Melissa che quando ci siamo fidanzati lei era maggiorenne da poco. Era venuta a Milano, dove le avevo trovato casa. […] Era una perfetta sconosciuta. […] Io ai tempi avevo una mia popolarità e ho pensato di poterle darle una mano a realizzare i suoi sogni. Da sconosciuta l’ho portata in tv da Maurizio Costanzo a ‘Buona domenica’. Insieme abbiamo fatto ‘Volare volare’. Lei ha iniziato per merito mio […] Grazie ad alcuni amici l’ho spinta a presentarsi al provino per fare la Velina. Quando Melissa fu scelta, la responsabile della comunicazione non chiamò né l’agente di Melissa né lei, chiamò me! Oggi vederla strabuzzare gli occhi con aria schifata, beh, porta me a dire: che vergogna! E’ ingratitudine.