Ian Cognito muore sul palco: tremenda reazione del pubblico in sala

Ian Cognito muore sul palco: tremenda reazione del pubblico in sala. Il comico si stava esibendo mentre ha accusato un malore e poi si accasciato.

Ian Cognito muore
Ian Cognito, nome d’arte di Paul Barbieri, era un comico londinese e si esibiva già dalla metà degli anni ’80.

Secondo quanto riportato dalla Bbc, il comico non si sentiva bene ancor prima che lo spettacolo iniziasse ma allo stesso tempo aveva insistito per esibirsi. La triste notizia arriva infatti dal Regno Unito dove il cabarettista Ian Cognito è morto durante la sua esibizione. La morte, avvenuta l’11 aprile, è stata causata da un infarto improvviso. Molti degli spettatori però pensavano fosse parte dello spettacolo. Solo pochi minuti prima infatti il comico aveva scherzato sulla sua morte. Di conseguenza il pubblico quando ha visto Cognito prendersi 5 minuti di pausa in silenzio, sedersi sullo sgabello e poi accasciarsi, pensavo fosse soltanto parte dello sketch. A spiegarlo è il conduttore Andrew Bird che racconta come il pubblico ha continuato a ridere pensando che il comico stesse soltanto fingendo. Non appena il pubblico e l’organizzazione si è accorto della vera gravità della situazione, due infermieri presenti in sala, hanno subito soccorso il comico e chiamato un’ambulanza. Tuttavia i paramedici, al loro arrivo, hanno constatato la morte del comico, dichiarando che non c’era nulla da fare.

Per essere sempre aggiornato su tutte le ultime notizie e curiosità dei personaggi del mondo dello spettacolo: CLICCA QUI

Ian Cognito muore sul palco: età e carriera del comico

Ian Cognito, nome d’arte di Paul Barbieri, aveva 60 anni quando è morto. Nato a Londra nel 1958, adorava esibirsi e l’ha sempre fatto nel migliore dei modi sin dalla metà degli anni ’80. Grazie al suo stile inconfondibile e ironico, era stato messo a confronto a comici di alto rilievo come Lenny Bruce, Bill Hicks e Jerry Sadowitz. Tuttavia il comico non ha mai raggiunto lo stesso successo sui media mainstream. Si ricorda però che nel 1999 vinse il Time Out Award per Stand-up Comedy.