Reggio Emilia, scandalo affido familiare: “lavaggio del cervello” sui bambini per allontanarli dalle famiglie

Reggio Emilia, scandalo affido familiare: “lavaggio del cervello” sui bambini per allontanarli dalle famiglie e darli in affido a pagamento; decine di arresti.

Un giro di affari di centinaia di milioni di euro quello che si nascondeva dietro gli affidamenti familiari della rete dei servizi sociali della Val D’Enza, colpevoli di aver manipolato i bambini per allontanarli dalle proprie famiglie e affidarli a pagamento ad amici e conoscenti.

Potrebbe interessarti anche:

Reggio Emilia, scandalo affido familiare: “lavaggio del cervello” e impulsi elettrici sui bambini

Grazie all’inchiesta Angeli e Demoni sono state arrestate 18 persone, tra cui il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti, politici, medici, assistenti sociali e psicoterapeuti. Una vera e propria associazione, che aveva lo scopo di collocare in affido retribuito i bambini. Bambini che venivano sottoposti a veri e propri “lavaggi del cervello” durante le sedute psicoterapeutiche, con l’obiettivo di allontanarli dai genitori. I bambini subivano anche scosse elettriche, per alterare lo stato di memoria.

  • Per tutte le informazioni dettagliate sullo scandalo degli affidi CLICCA QUI