Fumo e gioco d’azzardo, la manovra prevede un aumento della tassazione: quanto ci costerà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:32

Fumo e gioco d’azzardo, la manovra prevede un aumento della tassazione: quanto ci costerà e quali saranno le spese da affrontare

Fumo gioco d'azzardo manovra
Fumo e gioco d’azzardo: tasse anche sulla sigaretta elettronica

Fumatori e giochi d’azzardo tassati e non di poco: la manovra finanziaria del Governo darà una stangata abbastanza forte a chi fuma sigarette (sia elettroniche che classiche) e chi scommette. Già erano fortissime le polemiche sulle sigarette elettroniche e sul fatto che possano far male più o meno di quelle di tabacco. Adesso, che tutto potrebbe subire un innalzamento nei prezzi, il discorso viene ancora più enfatizzato ed ampliato con la rabbia dei consumatori che esplode.

Manovra, tasse su fumo e gioco d’azzardo (anche quelle elettroniche)

Nell’ultimo periodo si è parlato molto delle e-cig, le sigarette elettroniche che vengono sempre più preferite a quelle classiche dai fumatori. In realtà, si è creata una vera e propria spaccatura tra chi è rimasto al fumo classico e chi invece si è ‘evoluto’. Beh, se vogliamo dirla tutta: la vera evoluzione starebbe nello smettere.

Per quanto riguarda, invece, il gioco d’azzardo la manovra prevede in un inasprimento del costo del Noe. I prezzi saliranno per chiunque voglia installare macchine nel proprio locale. Il Messaggero ci fa sapere inoltre che saranno comunque insufficienti questi sforzi per raggiungere il target prefissato e che, pertanto, la scelta del Governo cadrebbe sull’aumento del prelievo erariale unico.

Intanto, è già polemica sul web per quello che è stato appena soltanto ipotizzato. Gli italiani commentato a raffica sui social scrivendo che questo aumento è una delle classiche ‘mosse’ del Governo. Ultimamente, tra l’altro, si è parlato anche della tassa su Colf e badanti che potrebbe aumentare vistosamente a partire dal 2020. In un paese come l’Italia, in cui il numero di anziani è elevatissimo, significherebbe ricevere tantissimi introiti e tassare, quindi, tantissime persone. Una soluzione che di sicuro non potrebbe essere ben vista dai cittadini che si ritroverebbero, come sempre, a spendere di più.

  • Per rimanere aggiornato sulle notizie di cronaca e attualità italiana ed estera, CLICCA QUI