Uomini e Donne, Giovanna Abate si confessa: il retroscena sui genitori spiazza tutti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:21

Giovanna Abate, la famosa corteggiatrice del Trono Classico di Uomini e Donne, ha rilasciato un’intervista a Uomini e Donne magazine: le sue dichiarazioni sono sorprendenti e poco positive per Giulio Raselli.

uomini e donne giovanna
Giovanna, la corteggiatrice di Giulio Raselli, ha fatto una confessione che ha spiazzato tutti

Il tronista Giulio Raselli è ancora incerto su chi scegliere tra Giovanna e Giulia: le due giovani corteggiatrici sono completamente diverse l’una dall’altra ed entrambe iniziano a stufarsi della situazione. Chi più di tutte, la romana. Giovanna ha rilasciato un’intervista al settimanale Uomini e Donne Magazine ed ha fatto una confessione che ha spiazzato tutti. A quanto pare i genitori non sono entusiasti di Giulio: la corteggiatrice non ha nascosto il loro pensiero. Ecco le sue parole al giornale.

Uomini e Donne, Giovanna Abate si confessa: il retroscena sui genitori spiazza tutti

Giovanna Abate è la splendida corteggiatrice di Giulio Raselli: il suo carattere forte ha catturato l’attenzione di tutti coloro che seguono il programma ed in puntata è sempre lei una delle protagoniste indiscusse. A quanto pare però, la situazione comincia a starle stretta: il tronista è ancora indeciso su chi scegliere e le due giovani che sono lì per lui, Giovanna e Giulia, stanno cominciando a stufarsi del suo atteggiamento. In un’intervista a Uomini e Donne Magazine la romana dai lunghi capelli neri e gli occhi azzurri ha rivelato di non fidarsi di Giulio: “Non mi permette di farlo. Già a pelle la prima volta mi trasmetteva insicurezza, ora mi porto a casa incertezze e quando è lontano da me perdo tutto”. 

Non ha avuto vergogna Giovanna nel raccontare che a casa sua non approvano fino in fondo l’atteggiamento ed il carattere particolare di Giulio. Queste le parole della corteggiatrice in merito: “I miei genitori non sono entusiasti del suo carattere e le persone attorno a me hanno qualche perplessità. Il suo modo di fare è troppo simile ad altri uomini per cui ho sofferto”.