Zac Efron, le parole dopo la tragica infezione: “Sono a casa ora, grazie”

Il famoso attore americano Zac Efron ha rassicurato i suoi fan; è a casa e sta bene. La tragica infezione che l’ha colpito in Papua Nuova Guinea ha fatto preoccupare tutti. 

zac efron
Il famoso attore rassicura tutti con un post su Instagram

E’ stato un fulmine a ciel sereno: la notizia di Zac Efron in gravissime condizioni ha fatto spaventare tutti. Il famoso ‘Troy Bolton’ di High School Musical era in Papua Nuova Guinea per registrare un documentario ‘Killing Zac Efron’. Si trattava di un’avventura nella giungla di un’isola remota e pericolosa: l’attore era pronto a mettersi in gioco per 21 giorni ma purtroppo una terribile infezione l’ha costretto ad abbandonare urgentemente il luogo in cui si trovava. E’ stato in pericolo di vita l’attore americano che pare abbia contratto una forma di tifo o simile infezione batterica: assistito subito da medici e trasportato d’urgenza in Australia, per fortuna l’allarme è rientrato dopo alcuni giorni. Tramite Instagram Zac ha lanciato un messaggio di ringraziamenti per l’affetto ricevuto.

Zac Efron, le parole dopo la tragica infezione: “Sono a casa ora, grazie”

E’ stato a rischio l’attore Zac Efron: ha contratto una terribile infezione contratta in Papua Nuova Guinea mentre girava un documentario, ‘Killing Zac Efron’. Una forma di ‘febbre tifoide o un’infezione batterica simile’ ha rischiato di far perdere la vita all’idolo delle ragazzine: è lui il bel Troy Bolton di High School Musical che ha fatto battere migliaia di cuori; ha poi preso parte a tantissimi noti film. Il VIP del cinema americano è stato vittima di una tragica esperienza che l’ha visto davvero a rischio: dopo esser stato trasportato d’urgenza prima in Australia per cure immediate e poi a casa sua, negli Stati Uniti, l’allarme è rientrato. Il giovane adesso sta bene e ci ha tenuto a rassicurare di persona tutti i suoi fan, preoccupati per l’accaduto.

Con un post su Instagram ha fatto sapere di star bene: “Sono grato a tutti coloro che mi hanno scritto. Sono stato male in Papua Nuova Guinea ma ora sono guarito ed ho concluso le mie tre settimane fantastiche in PNG. Ora sono a casa per le vacanze, con i miei amici e la mia famiglia. Grazie a tutti per l’affetto e la preoccupazione, ci vediamo nel 2020!”.