Coronavirus, Mara Venier preoccupata: “Temo per Nicola, è a rischio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:38

Mara Venier ha rilasciato un’intervista alla rivista Oggi ed ha confessato i suoi timori vista l’emergenza Coronavirus. Ecco le parole della conduttrice.

coronavirus mara venier
Mara Venier in un’intervista parla dell’emergenza Coronavirus: le sue parole sul marito

L’emergenza Coronavirus sta cambiando le vite e la quotidianità di tutti i cittadini italiani costretti a rimanere a casa ed uscire solo in caso di estrema necessità. E’ un momento molto delicato per l’Italia e bisogna seguire le regole indette dal governo per riuscire a far rientrare l’allarme al più presto possibile. Mara Venier è in pensiero ed ha confessato tutte le sue preoccupazioni ed i suoi timori in un’intervista al settimanale Oggi: ecco le parole della famosa conduttrice Rai.

Coronavirus, Mara Venier preoccupata: “Temo per Nicola, è a rischio”

Mara Venier in un’intervista alla rivista Oggi ha parlato dell’emergenza Coronavirus che sta colpendo l’Italia. “Ce la facciamo a sconfiggere questo virus. Ma questo è il momento di essere responsabili, di seguire le direttive alla lettera. Dobbiamo stare a casa, dobbiamo fermarci” dice la famosa conduttrice Rai. Zia Mara invita tutti a pensare agli anziani, a chi è più a rischio: la salute e la vita sono la cosa più importante e bisogna prevenire ogni forma di contagio.

La Venier però non sta vivendo bene la ‘quarantena’, la sua confessione alla rivista ha fatto dispiacere tutti. “Sono giorni che dormo male, mi sento vulnerabile. Cerco di reagire, di pensare positivo, ma sto vivendo una grande angoscia. Siamo di fronte a una malattia per cui non c’è vaccino, non c’è ancora una cura certa, è una situazione pesantissima” spiega la conduttrice. E’ molto preoccupata per gli italiani ma soprattutto per la sua famiglia, per suo marito Nicola: “Non è più un ragazzino, in passato ha anche avuto problemi polmonari, è un soggetto a rischio. Qualche giorno fa è tornato da Santo Domingo e da allora sta chiuso in casa, non voglio che si muova”.