Morte di Maria Paola, il fratello si difende: “È stato un incidente”

Il fratello di Maria Paola, morta a Caivano, si difende: “È stato un incidente”, ma nel frattempo Ciro lo accusa: “Voleva uccidermi”

Maria Paola è morta in seguito ad un incidente avvenuto a Caivano. La ragazza era sul motorino con Ciro, con il quale era legata sentimentalmente da circa tre anni, quando sarebbe stata speronata dal fratello, Antonio Michele Gaglione. L’uomo è accusato di omicidio preterintenzionale con l’aggravante dei futili e abietti motivi e oggi è stato interrogato per circa due ore.

Morte di Maria Paola, il fratello si difende dalle accuse

Il fratello della giovane scomparsa a Caivano si difende dalle accuse: “Io e lei abbiamo dieci anni di differenza. È mia sorella, ma per me è come se fosse mia figlia. Non le avrei mai fatto del male. È stato un incidente. Non ho speronato lo scooter“.

Ciro però, che oggi ha parlato dal letto del suo ospedale, dichiara: “Voleva uccidermi“.