Omicidio Willy, l’autopsia rivela particolari inquietanti: il cuore è spaccato

Omicidio Willy, il referto dell’autopsia è raccapricciante: non c’è organo vitale a non aver riportato lesioni. Addirittura, il cuore era spaccato da una lesione di 7 centimetri. 

willi monteiro autopsia
L’autopsia sul corpo di Willy

Cos’è successo quella notte, quando il povero Willy fu aggredito dai fratelli Bianchi, per motivi ancora sconosciuti? Si parla di una lite in cui lui voleva fare da paciere. Voleva dividere i litiganti per non dare adito a delle violenze. E poi ne è uscito rimettendoci la vita. Una vicenda che ha scosso gli animi degli italiani. Così giovane, Willy perde la vita per futili motivi. Giovane ed anche dall’animo nobile, come ha dimostrato intervenendo per placare la rissa. Dalle indagini e dall’autopsia sul suo corpo, purtroppo, emergono particolari raccapriccianti, che mai avremmo voluto riportare.

Willy, dall’autopsia emergono particolari raccapriccianti

Una lesione al cuore di 7 centimetri: questo quanto dichiarato dal medico legale dopo aver analizzato gli organi del giovane Willy nell’autopsia. I colpi, violentissimi, gli hanno anche letteralmente spappolato fegato e milza. Una lesione anche ai polmoni.

Il referto stilato dal medico legale del Policlinico di Tor Vergata Saverio Potenza è da pelle d’oca: si riporta, infatti, che non c’è organo vitale che è stato risparmiato dalla furia del pestaggio. Il povero Willy è stato pestato a mani nude, con una violenza inaudita: ci sono anche le lesioni e le contusioni al volto e al capo, ma non sono quelle ad aver provocato la morte del ragazzo, bensì l’emorragie interne provocate dalle lesioni degli organi. I fratelli Bianchi, esperti di arti marziali, hanno assestato pugni e calci violentissimi al corpo gracile del povero Willy che non ha resistito agli attacchi. Diversi testimoni hanno parlato di una violenza mai vista prima. Alcuni, invece, hanno raccontato di aver visto qualcuno che addirittura saltava a piedi uniti sul suo corpo steso a terra. Una vicenda macabra, a dir poco, che lascia tutti inevitabilmente attoniti.