Coronavirus, ora è ufficiale: in Lombardia scatta il coprifuoco

Coronavirus, la Lombardia annuncia il coprifuoco: dal 22 ottobre 2020 sono vietati gli spostamenti dalle ore 23 alle ore 5 del mattino successivo se non per motivi validi. Torna l’autocertificazione. 

coronavirus lombardia coprifuoco
Scatta l’ufficialità: in Lombardia dal 22 ottobre parte il coprifuoco

In Italia aumentano i contagi da Coronavirus e le Regioni stanno provando a costruire misure capaci di rispondere all’enorme diffondersi del virus. Sono tante le ordinanze firmate nelle ultime ore: nelle Regioni più colpite la paura è davvero tanta e le misure diventano sempre più restrittive. In Campania dal 23 ottobre sarà vietato spostarsi tra province tranne che per motivi lavorativi o salutari: in quel caso sarà d’obbligo portare con sé un’autocertificazione che spieghi il motivo dello spostamento. E’ arrivato il documento autoprodotto anche in Lombardia. E’ stata firmata l’ordinanza in seguito all’ok del Governo. Nella Regione governata da Attilio Fontana scatta il coprifuoco a partire dalle ore 23. Ecco cosa cambierà dal 22 ottobre.

Coronavirus, ora è ufficiale: in Lombardia scatta il divieto di uscire dalle 23

La Lombardia chiude ufficialmente da giovedì 22 ottobre. L’ordinanza è stata firmata dal governatore Attilio Fontana e dal Ministro Speranza ed inviata all’Anci ed ai sindaci dei 12 capoluoghi di provincia. Dal 22 ottobre al 13 novembre 2020 scatta il coprifuoco: dalle ore 23 alle ore 5 del mattino successivo ci si potrà spostare solo per esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. Per gli spostamenti sarà necessaria un’autocertificazione: sarà consentito muoversi dal proprio domicilio solo per recarsi al pronto soccorso, per lavoro, o comprovate necessità.

Le sanzioni, si legge sul sito di Tgcom24, sono quelle previste dal decreto del 25 marzo sull’emergenza Coronavirus. Multe fino a 3000 euro per chi viola il coprifuoco. La decisione è arrivata in seguito all’aumento dei contagi: sono state esaminate le proiezioni sui positivi al Covid-19. A fine mese, se non dovesse cambiare qualcosa, potrebbero aumentare i contagi e portare fino a 14mila ricoveri e 500 in terapia intensiva. Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha invitato inoltre i cittadini over 65 a non uscire. Ha consigliato loro di rinunciare agli affetti per tutelare la salute: l’invito è di restare a casa.

Nuovo Dpcm in arrivo entro domenica?

A pochi giorni dalle nuove misure restrittive annunciate dal premier Conte, sembrerebbe in arrivo un nuovo dpcm da firmare entro domenica 25 ottobre. Il provvedimento sembra esser necessario vista la rapida e continua crescita della curva dei contagi. Giuseppe Conte vuole evitare il lockdown: tra le ipotesi delle nuove misure restrittive ci sono limitazioni agli spostamenti tra regioni e coprifuoco. Bisogna attendere le prossime ore per conoscere ulteriori e precisi dettagli.